Esteri

I fallimenti della UE spingono a destra l’Europa.
La campagna per le elezioni presidenziali americane entra nella fase culminante.
L'Occidente sembra più cauto nella condanna delle violazioni delle libertà da parte di Ankara
Le attività del centro di accoglienza “Altes Finanzamt Roßstraße”
Il governo boliviano di Morales di fronte alle proteste dei soci delle cooperative delle miniere
Nello squallido e mistificante panorama dei mass media internazionali risalta il lavoro informativo di Telesur.
Ricordare le origini e l’involuzione dello stato di Israele, avamposto strategico delle potenze occidentali nella regione medio-orientale.

Lo jihadismo come “deriva reazionaria di massa” non costituisce una forma di lotta antimperialista.

Tra violenze, gioco di golpe e democrazia cancellata.

La violenza cieca, l'odio e la paura devono rimanere i sentimenti del caos in cui vivere?

Una raccolta di interventi di intellettuali militanti, diversi per posizione sulla Brexit.

La repressione su vasta scala di Erdogan è un segno di incertezza del suo sistema di potere.

Dopo il referendum, i tre maggiori partiti inglesi cambiano leadership. Il Labour si lacera, i conservatori ritrovano l’unità di facciata, lo UKIP si rifonda. La ridefinizione dei gruppi dirigenti si sovrappone alle manovre per intercettare l’elettorato che, votando per la Brexit, non ha seguito le indicazioni dei partiti

In occidente si parla molto dell’Isis ma si dimentica di parlare dell’origine e di e chi li finanzia.

Alla Cop21 il consenso per un nuovo modello di sviluppo sostenibile del Pianeta e sui cambiamenti climatici sottoscritto da 195 Paesi

Contro ogni previsione, contro ogni sondaggio, nonostante anni di crisi, sconfitte e scandali – l’ultimo in ordine di tempo scoppiato a poche ore dal voto – la destra del Partito Popolare ha vinto le elezioni spagnole del 26 Giugno. Non solo il PP è rimasto il primo partito spagnolo, è anche riuscito a guadagnare quasi settecentomila voti nonostante il calo dell’affluenza generale.

L’accordo, annunciato in contemporanea sia a Roma che ad Ankara dal Primo Ministro israeliano e dal Ministro degli Esteri turco, ha ripristinato i rapporti fra i due paesi, interrotti sei anni fa dopo la strage compiuta dalla marina israeliana contro la nave Mavi Marmara diretta a Gaza con un carico di aiuti, con l’uccisione di 9 cittadini turchi.

L'alleanza di sinistra Unidos Podemos punta alla vittoria.

Il Regno Unito verso il referendum sull'Unione Europea.

Nella crisi delle sinistre bisogna tenere in giusto conto anche il mutamento del sentimento religioso dei popoli sudamericani.

Pagina 14 di 27

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: