Scuola e Università

Ricomincia l’anno scolastico all’insegna dell’isteria di una riforma sbagliata
Le macerie di amatrice sono una tragica metafora della condizione della pubblica istruzione

Perchè l’obbligo di un monte ore di alternanza scuola-lavoro lede il diritto allo studio.

E' legittimo il meccanismo dell'INVALSI?

Il concorso docenti imposto dal governo Renzi non rappresenta la soluzione al problema del precariato scolastico.

Qual è il senso del sapere insegnato? Qual è il senso di un discorso filosofico? Qual è la loro qualità?

Torniamo sul concetto di valutazione e la sua applicazione nella scuola pubblica

La necessità di valutare secondo parametri "oggettivi" e comparabili risponde all'esigenza del sistema di verità su cui costruire una narrazione.

La necessità di elaborare le ragioni di una sconfitta e ritrovare le motivazioni di una lotta

Dalla critica ai test INVALSI all'autovalutazione. Il due Aprile a Reggio Emilia seminario nazionale.

Una interessante disamina sulle più recenti pubblicazioni su scuola e formazione.

La lotta contro la “Buona scuola” come opposizione alle tendenze politico-economiche regressive.

La legge 107 non distingue più tra prima e seconda infanzia del bambino. Ciò comporterà un enorme passo indietro.

Come l'alternanza scuola-lavoro rischia di indebolire il potere contrattuale dei giovani disoccupati.

Una nuova ondata di repressione che arriva persino dentro le scuole e le università

La psicoanalisi, in questo caso di Lacan, appare un sapere indispensabile a capire cosa produce la motivazione ad apprendere e la passione di insegnare.

Il movimento della scuola non si dà per vinto e andrà avanti fino all'abrogazione della legge.

Attraverso lo schema dei quattro discorsi di Lacan, la pedagogista Mejía Correa analizza il legame fra alunno e maestro.

La legge sulla “Buona scuola” di Renzi sta smantellando il nostro modello pedagogico basato sull'inclusione scolastica.

La legge 107 varata a luglio ha dato una delega in bianco al governo in merito all’inclusione scolastica degli alunni con bisogni educativi speciali.

Pagina 3 di 6

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: