Nusaybin

Da tempo i turchi reprimono le città curde dentro la Turchia


Nusaybin

NUSAYBIN

Nusaybin,
nessuno parlerà di te
in Occidente
solo qualcuno aggrappato alle stelle
che ripete “venite
a vedere il sangue nelle strade”.
Nusaybin,
nessuno parlerà di te
in Occidente
ci assordano con parole auliche
ma è una maschera
che copre la serpe
Nusaybin,
nessuno parlerà di te
in Occidente
gli occhi sono chiusi
tutti sono stati comprati
per pochi denari
asserviti a un potere
che siede complice
ai tavoli sfarzosi
annegati nel sangue
e nel dolore.

Leggi tutte le #poesiediclasse di Giuseppe Vecchi.

01/11/2019 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Giuseppe Vecchi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: