Le informazioni manipolate e l’occultamento delle ripercussioni economiche

Informazioni a senso unico, manipolata l’opinione pubblica per assoldarla alla guerra. L’occultamento delle conseguenze economiche sull’economia e le condizioni di vita.


Le informazioni manipolate e l’occultamento delle ripercussioni economiche

Non è dato sapere, siamo al 19 marzo, quanto durerà, e con quali esiti, la guerra in Ucraina e se nell’arco di pochi giorni arriverà l'accordo tra i contendenti per tacitare le armi.

Ad oggi constatiamo, e non solo noi per fortuna, un fuoco incrociato propagandistico. Se le notizie provenienti dalla Russia sono tacitate dalla censura che ha colpito anche i corrispondenti a Mosca, dall’altra arrivano fiumi di informazioni molte delle quali infondate. È il caso del teatro di Mariupol. Sulle pagine de “Il Fatto Quotidiano” viene smentita la carneficina denunciata da agenzie di stampa ucraine. Non è dato sapere il numero dei morti civili e militari, i numeri diffusi sono da prendere con beneficio di inventario e andrebbero vagliati con l’analisi delle fonti che invece risultano a senso unico.

Questa premessa è indispensabile. Già Eschilo, nel V secolo a.C. scriveva “la prima vittima della guerra è la verità”.

La propaganda di guerra mira a indirizzare le posizioni dell’opinione pubblica nei paesi del capitalismo occidentale, farlo è da sempre fondamentale per vincere, o perdere, una guerra, per giustificare scelte economiche dietro alle quali si celano sacrifici, fiumi di denaro e scenari geopolitici in continua evoluzione.

Il governo Russo ha disposto il sostanziale blocco dei principali social media; il parlamento ha approvato, senza voti contrari, una legge che prevede fino a 15 anni di carcere per chi diffonda informazioni false sulle forze armate russe.

In Occidente sono stati rimossi corrispondenti sgraditi e intellettualmente onesti che onorano la loro professione giornalistica. Il blocco dei canali russi è la risposta a quelle che vengono definite fake news e informazioni false e tendenziose.

Occidente e Russia rispondono con armi analoghe, se un cittadino volesse comprendere gli avvenimenti dovrebbe trascorrere ore alla ricerca di fonti, vagliarle e confrontarle con altre, per questo l’informazione spicciola mainstream risulta efficace, snella e diretta, informazione funzionale al sostegno militare ed economico all’Ucraina.

I media giocano un ruolo nevralgico e i sondaggi diffusi in questi giorni preoccupano non poco i fautori della fly zone o della annessione alla Ue dell’Ucraina. Per questo l’informazione a senso unico diventa sempre più martellante per accrescere lo sdegno, condizione essenziale per suscitare nell’opinione pubblica la paura della guerra che poi si traduce nella supina accettazione dei sacrifici economici e delle ragioni di una parte (il fronte occidentale, la Nato e l’Ucraina)

Troppe le verità taciute. Per esempio l’interdipendenza tra Ucraina e Russia nel campo energetico: l’Ucraina prende dalla Russia gas naturale e carburante per le sue quattro centrali nucleari, dalle quali dipende oltre la metà della produzione nazionale di energia. Se l’Ucraina chiudesse i gasdotti di Gazprom non avrebbe la principale fonte di approvvigionamento energetico. La stessa Ue dipende dalle forniture di gas e petrolio russo. Il mondo multipolare e interdipendente sarà sicuramente stravolto da nuovi equilibri economici e geostrategici, ma da qui a ipotizzare cambiamenti repentini corre grande differenza.

Già in passato, tra il 2014 e il 2015 la Russia era stata esclusa dallo Swift, il sistema di regolazione delle transazioni globali basato sul dollaro ed ergo controllato dagli Usa. La guerra in Ucraina è iniziata proprio in quel periodo con le carneficine nel Donbass.

Negli scenari attuali a guadagnarci sono gli Usa che rafforzano la propria moneta ed economia. Non altrettanto potremmo dire della Ue che, in piena crisi, aumenta di oltre il 2% del Pil le proprie spese militari e dovrà acquistare a costi elevati i prodotti energetici nell’immediato futuro se persevereranno le sanzioni contro la Russia

La guerra attuale ha già cancellato, in poche settimane, l’1,4% del Pil europeo. Ci sarà bisogno di un nuovo Pnrr. Le misure per calmierare o contenere l’impennata dei prezzi non basteranno a fronteggiare una crisi economica e sociale che potrebbe avere impatti negativi sulle sorti politiche ed economiche dell’Ue. Questo lo sanno bene i capi di Stato del vecchio continente anche se la loro partecipazione al riarmo e alla guerra diventa una condizione essenziale per la loro stessa sopravvivenza politica.

Ma dalla guerra in corso l’Ue ha molto da perdere, come i paesi emergenti e a basso reddito proprio in virtù del rincaro delle tariffe energetiche.

L’euro come valuta di riserva sta perdendo colpi. L’economia americana crescerà in maniera maggiore di quella Ue e si acuirà il divario tra Usa e vecchio continente.

“Il Sole 24 Ore” spiega, il 18 marzo, gli impatti della guerra. Fra i Paesi dell’Ue, nel caso di una riduzione del 20% delle importazioni di energia dalla Russia, i più penalizzati sarebbero Lituania e Grecia (con una perdita di quasi 2,5 punti di Pil). Ungheria, Portogallo, Polonia, Austria potrebbero veder sfumare almeno l’1,4% del Pil atteso per quest’anno. Per Spagna e Italia l’impatto sarebbe superiore a un punto di Pil. Va leggermente meglio a Germania e Francia.

Ma altre conseguenze, ancor peggiori, riguarderanno i paesi meno sviluppati, per esempio le aree mediorientali, per le quali il grano proveniente da Russia e Ucraina rappresenta i tre quarti delle importazioni totali; se dovessero venire meno, saremmo davanti a un disastro umanitario e a una crisi sociale con ripercussioni negative sulla pax americana imposta in quell’area geografica. Per non dimenticare le conseguenze della guerra imposta da Ue e Francia e supinamente accettata dall'Italia, ricordiamoci la deflagrazione della Libia con conseguenze nefaste per quel popolo e per l’emergenza profughi e migranti sulle coste italiane.

Russia e Ucraina sono le principali esportatrici di mais e di grano. Se dovessimo indirizzare gli acquisti di questi prodotti al continente americano ci ritroveremmo davanti a prodotti Ogm e anche la tanto decantata autonomia dell’Ue entrerebbe in crisi.

Questi scenari fanno intendere come dietro a questa guerra si nascondano interessi economici e geostrategici di grande impatto e tali da cambiare gli equilibri fino ad oggi esistenti. Restiamo convinti che da questa guerra abbiano tutto da perdere non solo i popoli russi e ucraini ma anche le economie europee che soffiano sul fuoco bellico con il rifornimento delle armi.

Ma ancora più evidente è il fatto che a guadagnare da questa guerra siano gli Stati Uniti, il dollaro e la loro supremazia, tutto da dimostrare invece che la subalternità dell’Ue a Usa e alla Nato sia alla fine di aiuto per le economie del vecchio continente.

25/03/2022 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Federico Giusti

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: