Taglia che ti taglia…

In piena pandemia da Coronavirus scontiamo sulla nostra pelle decenni di tagli nel settore pubblico e a tutela dei lavoratori,a favore dell'aumento delle spese militari


Taglia che ti taglia… Credits: https://www.google.com/amp/s/paoloborrello.wordpress.com/2018/11/14/quarantanni-di-spending-review/amp/

L'augurio è che in quarantena gli italiani inizino a ragionare con la loro testa e che non prevalgano panico e disinformazione.

Siamo in una sorta di stato di eccezione, regole ferree ma indispensabili a tutela della salute e sicurezza collettiva, ma regole che non valgono per molti, per gli operai, i facchini costretti a recarsi al lavoro nonostante gli ambienti ove sono costretti ad operare non siano in linea con i dettami di sicurezza richiesti.

I dati dimostrano come in pochi anni siano stati smantellati 700 posti letto ospedalieri ogni 100.000 abitanti. L'Organizzazione Mondiale della Sanità spiega come nel 1980 i posti letto fossero 922 per 100.000 abitanti, nel 2013 solo 275.

Fatti due conti possiamo asserire, senza smentita, che i tagli dei posti letto abbiano anche decretato la depauperizzazione di tutta la sanità pubblica, la terapia intensiva in primis.

Si sono tagliati posti letto e ospedali, la ricetta liberista applicata anche ai trasporti con la cancellazione di tante tratte giudicate rami secchi, o alla ricerca e alla istruzione pubblica (crollo delle immatricolazioni alle università).

Allo stesso tempo li fondi destinati ai servizi pubblici sono diminuiti drasticamente, è cresciuta la disuguaglianza sociale ed economica. Sempre nello stesso periodo sono cresciute le spese militari, ormai pari al 2% del Pil come richiesto dalla Nato. Per essere ancora più chiari è sufficiente ricordare come una nuova portaerei costi quanto due ospedali con 4 mila posti letto, un caccia da guerra quanto gli impianti di ventilazione per due terzi delle regioni Italiane.

Possiamo anche sbagliare nei calcoli ma il senso della nostra osservazione è di facile comprensione: in 30 anni i ricchi sono diventati più ricchi, è cresciuta la povertà, sono crollati i fondi destinati alla ricerca e all'innovazione. E, nei tempi di contagio, esigere che si riducano le spese militari a favore di quelle per la sanità è un imperativo categorico, dovrebbe essere la comune rivendicazione di quanto resta della sinistra sindacale e politica conflittuale.

In questi giorni le fabbriche sono scese in sciopero, i sindacati confederali si sono svegliati troppo tardi come del resto sempre accade, e quelli di base, dipinti come agitatori di professione, avevano ragioni da vendere nel chiedere la chiusura delle aziende.

Stiamo prendendo atto di una situazione drammatica, Confindustria e il Sole 24 Ore ribadiscono come la produzione possa proseguire indisturbata nonostante l’emergenza coronavirus, pur nel rispetto delle direttive del Dpcm dell’11 marzo.

I datori di lavoro sono obbligati ad adottare misure e cautele ma crediamo assai difficile tutelare la sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici mantenendo la produzione e la presenza ravvicinata di operai. E su questo punto il centrosinistra si è dimostrato assai più vicino alle posizioni padronali che al sentire comune della classe lavoratrice.

Le indicazioni poi di incentivare il ricorso allo smart working non si addicono a gran parte dei posti di lavoro, basti pensare che numerose realtà sono abbandonate al loro destino, devono decidere se chiudere e mandare tutti a casa o mantenere aperto con tutti i rischi del caso. Molti enti della Pubblica amministrazione sono paralizzati, in seria difficoltà nell'adottare lo smart working nonostante i dpcm e le circolari, l'arretratezza informatica e tecnologica del pubblico è il risultato di 15 anni di tagli e di spending review.

Il Governo sta preparando un Decreto che a nostro avviso dovrà essere coraggioso per considerare tutte le realtà, subordinate e autonome, colpite da questo autentico tsunami.

A parte la Pubblica amministrazione non esiste alcun obbligo del datore di lavoro privato nella adozione di smart working né viene richiamato a riorganizzare le modalità produttive e gestionali in altro modo.

In questi giorni mancano persino gli aggiornamenti del documento di valutazione dei rischi, si crea confusione tra le competenze suddivise tra Stato e Regioni. La confusione regna sovrana perfino sui servizi essenziali pubblici da garantire sempre e comunque. Il Dpcm dell’11 marzo raccomanda la sospensione delle attività nei reparti aziendali considerati non indispensabili alla produzione, si raccomanda di usufruire dei permessi, dei congedi e dei Rol, sarebbe invece auspicabile un provvedimento valido erga omnes per coprire le assenze senza gravare sui lavoratori, sulle loro ferie, sulle nostre retribuzioni.

Scontiamo i tagli alla Pubblica amministrazione, i mancati investimenti tecnologici nel settore privato, vengono a galla le responsabilità della ubriacatura neoliberista tra tagli, delocalizzazioni, disinvestimenti nel settore pubblico.

16/03/2020 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: https://www.google.com/amp/s/paoloborrello.wordpress.com/2018/11/14/quarantanni-di-spending-review/amp/

Condividi

L'Autore

Federico Giusti

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: