Il 12 dicembre sciopero AEC/OEPA

Per l’internalizzazione del servizio sciopero giovedì 12 dicembre insieme ai sindacati Cobas, CUB e USB e presidio in Campidoglio dalle ore 10.00


Come lavoratrici e lavoratori per l’integrazione scolastica degli alunni disabili, viviamo condizioni inaccettabili.

Veniamo pagati anche meno di 7 euro l’ora, quando il Comune ne versa alle cooperative circa 21. Quando le scuole sono chiuse – estate, vacanze natalizie, ecc. – non prendiamo un centesimo. Non abbiamo diritto alla mensa. Veniamo spesso costretti ad effettuare mansioni che non ci competono e ci mettono a rischio, come l’assistenza igienica agli alunni. Siamo sottoposti a vorticosi cambi di gestione, passiamo da una coop all’altra come pacchi postali. Per continuare a lavorare, dovremmo pagare di tasca nostra un corso di formazione che costa fino a 1.000 euro, più o meno un mese di stipendio.

Nel giugno scorso, abbiamo depositato in Comune più di 12.000 firme (oltre il doppio del necessario) a sostegno di una Delibera di Iniziativa Popolare che prevede l’internalizzazione del servizio da parte del Comune stesso, per farla finita con il sistema degli appalti, la precarietà, lo sfruttamento e per poter garantire agli alunni un servizio puntuale ed efficiente. Questa Delibera dovrebbe essere messa ai voti dall’Assemblea Capitolina entro la metà di dicembre, ma finora non si è mosso nulla.

Per questo, invitiamo le colleghe e i colleghi a scioperare il prossimo GIOVEDì 12 DICEMBRE, insieme ai sindacati Cobas, CUB e USB e a partecipare in massa al presidio in Campidoglio dalle ore 15.00.

Video di Francesco Paolo Caputo
Maggiori informazioni sul Comitato Romano AEC qui.

03/12/2019 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: