La catastrofe dell’università

Proposte relative al ruolo unico e alla cancellazione del precariato dell’Associazione Nazionale Docenti Universitari


La catastrofe dell’università

Nel 1999 è stato avviato il cosiddetto processo di Bologna che avrebbe dovuto aprire le porte alla maggior parte dei giovani europei all’educazione superiore ed incrementare sensibilmente la spesa per la ricerca e l’insegnamento. Da quel momento in poi si sono susseguite varie “riforme”, i cui risultati sono: riduzione nelle immatricolazioni universitarie di circa 40.000 studenti, tagli alle borse studio che impediscono anche agli idonei di usufruirne, numero chiuso, riduzione del corpo docente (circa 20.000), degrado degli edifici, mancanza di laboratori e attrezzature, aumento spaventoso del precariato distinto in una jungla di figure che ormai hanno raggiunto i 45 anni, persistenza del corrotto sistema di cooptazione nel concorsi, che spesso si disvela in procedimenti legali, finanziamento degli atenei “eccellenti” a svantaggio di quelli meridionali, potere indiscusso dei rettori e presenza dei privati nei consigli di amministrazione per piegare l’attività universitaria a beneficio delle imprese. Naturalmente facendo pagare questo supporto ai contribuenti, ossia ai lavoratori salariati.

Insomma, un disastro cui l’attuale ministro Fioramonti vuole mettere riparo facendosi dare da questo indefinibile governo 500 milioni e tassando bevande zuccherate e merendine, a tutto “vantaggio” della nostra salute. Prima di lui, c’era la stata la demagogica proposta di Grasso nel clima elettorale di rendere gratuiti gli studi universitari, promessa di cui probabilmente neppure lui si ricorda.

Nel frattempo, giacciono in parlamento pessime proposte di “riforma” del numero chiuso, sul reclutamento e sulla docenza e non si pensa a misure straordinarie per risollevare l’università, dalla situazione spaventosa in cui non può più svolgere il suo ruolo costituzione. Di queste misure straordinarie parla invece il documento che qui presentiamo, redatto dall’Associazione nazionale docenti universitari, che questi temi propone da anni.

 

RUOLO UNICO E CANCELLAZIONE PRECARIATO
by ANDU • 17 settembre 2019 •

PREMESSA

La pessima Proposta di Legge Melicchio-Torto ha rinnovato l’interesse verso una riforma, non più differibile, dell’attuale assetto della docenza e del reclutamento nell’Università italiana. Una riforma che deve avere come principale obbiettivo quello di migliorare l’attività didattica e di ricerca del singolo docente nell’interesse degli studenti e del Paese.

Questo è possibile solo se si rendono veramente liberi l’insegnamento e la ricerca dai condizionamenti esterni (politica, imprese, ecc.), da quelli “semi-esterni” (ANVUR) e da quelli interni.

Rimandando per il resto a quanto proposto da anni, qui si presenta un’organica riforma della docenza universitaria italiana per liberarla dal suo principale male: la cooptazione personale. Infatti, in Italia, quasi sempre, il “maestro” individua personalmente, spesso dalla tesi di laurea, l’aspirante docente, lo forma attraverso un lungo percorso di precariato, lo mette in ruolo e lo fa avanzare fino al ruolo di ordinario. Una trafila che è mascherata da finti concorsi locali, a partire dal dottorato fino ad arrivare – dopo la Legge Berlinguer – ai ruoli di associato e ordinario. Un percorso caratterizzato dalla sottomissione dell’allievo al “maestro”, che ne condiziona l’attività didattica e di ricerca e i tempi della carriera accademica. Quando il cooptato arriva all’apice, applicherà anche lui la prassi della cooptazione personale, secondo la “tradizione” italiana, resa quasi obbligatoria da normative che nei decenni sono state sempre più finalizzate a rendere sempre più assoluta la libertà del maestro di scegliere chi vuole. Ed è da questa cooptazione personale che derivano i fenomeni di localismo, nepotismo, clientelismo, parentopoli, ecc., che a volte vengono “intercettati” dalla magistratura, facendoli emergere come scandali, mentre sono espressioni di un sistema.

Bisogna non solo liberare l’allievo dalla dipendenza anche umana dal “maestro”, ma anche liberare il “maestro” dall’oneroso potere-dovere di farsi personalmente carico della carriera del suo prescelto. In tal modo si migliorerà non poco la qualità e la quantità della didattica e della ricerca di tutti, oltre che la qualità della loro vita.

Per debellare la cooptazione personale è indispensabile che tutte le prove, a partire da quelle relative ai dottorati, diventino nazionali. Inoltre, i componenti delle commissioni devono essere tutti sorteggiati tra tutti i professori e di esse non ne devono fare parte i professori che appartengono alle sedi dove sono stati banditi i posti e non ne deve fare parte più di un professore della stessa sede.

UN RUOLO UNICO VERO, SEMPLICE E POSSIBILE

Occorre costituire un unico ruolo (organico unico) di professore universitario articolato in tre fasce, con uguali compiti e uguali diritti (compreso l’elettorato attivo e passivo) e uguali doveri all’interno di un unico stato giuridico nazionale (uguale in tutti gli Atenei).

L’ingresso nel ruolo deve avvenire con concorsi nazionali (senza ASN) e il passaggio di fascia deve avvenire, a domanda, attraverso una valutazione complessiva (ricerca e didattica) nazionale individuale. In caso di valutazione positiva, deve conseguire l’automatico riconoscimento della nuova posizione (senza alcun ulteriore “filtro” locale).

Gli scatti economici all’interno di ogni fascia devono essere legati esclusivamente all’età di servizio (retribuzione differita). L’età pensionabile deve essere uguale per tutti i professori del ruolo unico. L’elettorato passivo deve essere riservato ai professori con anzianità nel ruolo unico di almeno cinque anni.

I vincitori dei concorsi nazionali devono potere scegliere dove prendere servizio, tra le sedi dove sono stati banditi i posti messi a concorso, sulla base di una graduatoria.

Transitorio.

Gli attuali ricercatori a tempo indeterminato, i professori associati e i professori ordinari, a domanda, devono fare parte rispettivamente della terza, della seconda e della prima fascia, mantenendo all’ingresso l’attuale retribuzione. A tutti i ricercatori di ruolo e gli associati che hanno conseguito l’ASN deve essere riconosciuto immediatamente e automaticamente il passaggio di fascia, con i relativi incrementi economici a carico dello Stato. Vanno abolite le ASN.

CANCELLARE IL PRECARIATO, MA NON GLI ATTUALI PRECARI

Vanno eliminate TUTTE le figure precarie attuali introducendo una sola figura di pre-ruolo di durata massima di tre anni, con tutti i diritti garantiti, adeguata retribuzione e autonomia di ricerca, e in numero rapportato agli sbocchi in ruolo.

Transitorio

Occorre bandire SUBITO almeno 20.000 posti (5.000 all’anno) di professore di terza fascia, su fondi nazionali e con commissioni interamente nazionali, e si devono prorogare, a domanda, gli attuali precari fino all’espletamento dei bandi.

01/11/2019 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Andu

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: