Il Portogallo ha un governo “monocolore” guidato dai socialisti con l’appoggio dei Comunisti e del Blocco di Sinistra

Gli ostacoli e le opportunità di un governo delle sinistre in Portogallo

Sabato, 14 Novembre 2015 23:25

Portogallo anno zero

A poco più di un mese dalle elezioni portoghesi i socialisti sono costretti a fare un governo di sinistra anti-austerity col PCP e con BE. L’unico che avrebbe i numeri.

Di fronte al prossimo appuntamento elettorale vengono al pettine i nodi della realtà sociale portoghese

Un Partito Comunista ha bisogno come condizione necessaria per la sua esistenza di un organo d’informazione comunista. Attraverso il giornale il partito vive nella battaglia ideologica, cerca continuamente l’analisi e le contraddizioni dello stato di cose esistenti e dunque favorisce l’aderenza del Partito al movimento reale.

Intervento di Agostinho Lopes nella presentazione degli obiettivi del programma elettorale del Partito Comunista Portoghese (tradotto da l’Avante N.º 2166, 4 Giugno 2015)

Pagina 3 di 3
Pin It

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: