Alberi

Una “poesia di classe” e ambientalista.


Alberi Credits: “Colori d’autunno” di Ferruccio Zanone, 10 novembre 2013, Flickr.com

ALBERI

Vi vedevo sacri e invincibili
nidi intricati di Driadi e Amadriadi
dèi scesi sulla Terra a salvarla
Giganti dai piedi possenti
innestati come pulsanti vene
al corpo del pianeta
respiro ampio e essenziale alla vita.
Camminavo tra le vostre folte città
abitate da mille presenze
tra presepi di muschio
raccoglievo i vostri frutti
tra le acque d'autunno
ammiravo e intuivo il cielo
nascosto dai vostri capelli.

Ed ora vi vedo rinsecchiti e muti
scheletri inerti di un mondo che muore
vinti dal più piccolo degli esseri
che neppure appare sotto al sole
orfano di ombre e rumori.
E nella vostra fine vedo la nostra
vedo il pane di domani
bruciato sul desco
vedo il respiro farsi ansante sofferenza
e la terra tutte un'onda di fango
che scivola a valle
coprendo ogni cosa.

Non so perché il dio sia morto
forse tale non era
forse dal nostro pazzo percorrere il tempo
è nato un disordine
che ha ucciso un pezzo di creato
immaginato eterno
il cui urlo doloroso
ci trascina nel gorgo.

Leggi le altre #poesie di classe di Giuseppe Vecchi

10/11/2018 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: “Colori d’autunno” di Ferruccio Zanone, 10 novembre 2013, Flickr.com

Condividi

L'Autore

Giuseppe Vecchi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: