Evo Morales: Gli attacchi all'esercito siriano dimostrano la doppia morale degli USA

Quattro raid aerei USA colpiscono “per errore” la Siria orientale durante la tregua: un centinaio di soldati di Damasco muoiono mentre l’Isis si fa più forte.


Evo Morales: Gli attacchi all'esercito siriano dimostrano la doppia morale degli USA Credits: http://thefederalistpapers.integratedmarket.netdna-cdn.com

Il Presidente boliviano Evo Morales sostiene che l'attacco degli Stati Uniti contro l'esercito siriano mostra la doppiezza morale del paese nordamericano che cerca di ingannare il mondo.

"Nel mezzo del cessate il fuoco, i bombardamenti degli Stati Uniti contro l'esercito siriano rivelano la doppia morale degli USA nella lotta contro il terrorismo (...) E 'inaccettabile che una delle più grandi potenze militari si sbagli e rimpianga poi quello che è successo. E’ da condannare il fatto che cerchino di ingannare il mondo", ha scritto su Twitter domenica il Presidente della Bolivia.

Sabato scorso, gli aerei di quella che è chiamata coalizione anti-terrorismo, guidata dagli Stati Uniti, hanno effettuato quattro bombardamenti contro le posizioni dell'esercito siriano ad Al-Tarda, nelle vicinanze dell’aeroporto della provincia di Deir al-Zur, nella Siria orientale. Washington ha confermato di aver lanciato gli attacchi, ma sostiene che fossero il risultato di un semplice “errore”.

In questo contesto, il capo di Stato boliviano ha sottolineato che tali politiche da parte di Washington non garantiscono "la pace, la sovranità e la solidarietà del popolo" e, inoltre, ha considerato come la lotta contro il terrorismo e la lotta contro il traffico di droga siano pretesti utilizzati dagli Stati Uniti per dominare il mondo.

Allo stesso tempo, il Ministero degli Esteri della Bolivia, attraverso un comunicato rilasciato la scorsa domenica, ha condannato gli attacchi della suddetta coalizione in Iraq e nei paesi arabi, che secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH), con sede a Londra, hanno lasciato 90 soldati siriani uccisi e centinaia di feriti.

Il testo esplicita anche come tali offensive aeree mostrino come Washington non tenga fede ai propri impegni, con riferimento al cessate il fuoco in Siria che era stato concordato e annunciato da Russia e Stati Uniti il 9 settembre scorso nella città svizzera di Ginevra.

Pertanto, il Ministero degli Esteri boliviano ha anche richiesto una spiegazione da parte degli Stati Uniti di fronte ai paesi membri dell’ONU e al Consiglio di Sicurezza che dovrebbe adottare le misure necessarie per fermare tali violenze, si precisa in aggiunta.

"Questo bombardamento ai danni dell'esercito siriano, indebolisce la lotta contro il terrorismo e, al contrario, dimostra che la Casa Bianca sta difendendo gli estremisti. Questi attacchi minacciano tutto ciò che la comunità internazionale ha fatto sino ad ora per raggiungere l’obiettivo della pace in Siria ", recita il testo.

24/09/2016 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: http://thefederalistpapers.integratedmarket.netdna-cdn.com

Condividi

Tags:

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: