Il Vietnam si congratula con la Cina per il 20º Congresso del PCC

Dal 16 al 22 ottobre ha avuto luogo il 20º Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese, un’occasione per ribadire i legami esistenti tra Cina e Vietnam.


Il Vietnam si congratula con la Cina per il 20º Congresso del PCC

Dal 16 al 22 ottobre, la Grande Sala del Popolo di Pechino ha ospitato il 20º Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese (PCC), considerato come l’evento più importante nella vita politica della Repubblica Popolare Cinese [1]. Il Congresso ha infatti la funzione di analizzare il quinquennio appena terminato e di indirizzare le politiche da mettere in atto nei cinque anni successivi.

Il Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese rappresenta inoltre l’occasione per ribadire e rafforzare i legami del Partito e dello Stato cinesi con organizzazioni politiche e governi di tutto il mondo. Tra i tanti messaggi congratulatori giunti, anche il Comitato Centrale del Partito Comunista del Vietnam (PCV) ha fatto pervenire il proprio all’omologo organo cinese.

Nel suo messaggio, il Comitato Centrale del PCV ha esteso le più calorose congratulazioni al 20° Congresso Nazionale del PCC e, attraverso il congresso, a tutti i membri del PCC e all’intero popolo cinese: “Con cameratismo e fraternità, stiamo seguendo da vicino ogni fase dello sviluppo e della crescita della Cina e ci rallegriamo nel notare che, dal 18° Congresso ad oggi, sotto la guida del Comitato Centrale del PCC con il Segretario Generale Xi Jinping al centro, e dell’orientamento del pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era, il PCC ha portato il popolo cinese a ottenere molti grandi risultati, completando nei tempi previsti l’obiettivo di una ’società benestante a tutto tondo’, organizzando con successo le celebrazioni per l’anniversario del centenario del PCC, adottando la Risoluzione sui principali risultati e l’esperienza storica del Partito nel secolo scorso e portando fermamente il socialismo con caratteristiche cinesi in una nuova era. Apprezziamo molto questi risultati e ci congratuliamo calorosamente con i compagni cinesi per il loro raggiungimento".

“Il 20° Congresso Nazionale del PCC è una pietra miliare storica significativa e un evento importante nella vita politica del PCC e del popolo cinese. Crediamo fermamente che il Congresso definirà importanti orientamenti e politiche e prenderà decisioni importanti in modo da realizzare con successo l’obiettivo di raggiungere sostanzialmente la modernizzazione socialista, verso la costruzione di un grande Paese socialista moderno che sia prospero, forte, democratico, culturalmente avanzato, armonioso e bellissimo nel centenario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese”.

“Vietnam e Cina sono due vicini. Sia il PCV che il PCC guidano la causa del rinnovamento, della riforma, dell’apertura delle porte e della costruzione socialista nei nostri rispettivi Paesi. Il Partito, lo Stato e il popolo del Vietnam tengono sempre presente il grande e prezioso sostegno del Partito, dello Stato e del popolo cinese nella lotta rivoluzionaria del Vietnam per la liberazione nazionale nel passato e nell’attuale costruzione nazionale. Attribuiamo costantemente importanza e siamo pronti, insieme al Partito, allo Stato e al popolo cinese, a compiere sforzi incessanti per consolidare e portare il vicinato amichevole e il partenariato strategico cooperativo globale tra Vietnam e Cina a un nuovo stadio di sviluppo, soddisfacendo le aspirazioni e interessi essenziali dei popoli dei due Paesi e per la pace, la stabilità, la cooperazione e lo sviluppo nella regione e nel mondo”.

La seduta inaugurale del 20º Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese ha avuto luogo appena due settimane dopo le celebrazioni dell’indipendenza cinese, proclamata da Mao Zedong il 1º ottobre 1949. Anche in occasione della festa nazionale cinese, il Vietnam ha partecipato attivamente ai sensi del partenariato strategico globale esistente tra i due Paesi.

La Cina resta oggi il principale partner commerciale del Vietnam e di tutta la regione dell’Asia sud-orientale. Il Vietnam, dal canto suo, è diventato il 6° partner commerciale della Cina. Le entrate commerciali bidirezionali tra i due Paesi hanno raggiunto i 230 miliardi di dollari nel 2021, superando anche le avversità causate dalla pandemia di Covid-19. 

Per quanto riguarda gli eventi futuri, invece, tra il 2 ed il 9 novembre, Lạng Sơn, città del Vietnam settentrionale situata non distante dal confine con la Cina, ospiterà la Fiera del commercio internazionale Vietnam-Cina, nell’ambito degli sforzi per promuovere la cooperazione e l’amicizia tra i Paesi partecipanti. Oltre ad aziende provenienti da Vietnam e Cina, l’evento di otto giorni vedrà la partecipazione di aziende provenienti da Laos, Repubblica di Corea, Cambogia e Thailandia.

 

Note:

[1]https://giuliochinappi.wordpress.com/2022/10/17/il-socialismo-con-caratteristiche-cinesi-al-centro-del-20o-congresso-del-partito-comunista/ 

21/10/2022 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Giulio Chinappi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: