La democrazia rappresentativa è democrazia se è parlamentare

La questione è quella della partecipazione alla vita sociale e politica come elemento da non considerare esclusivo o di proprietà di quelli che “scendono in campo” diventando professionisti della politica.


La democrazia rappresentativa è democrazia se è parlamentare

L’anno si è chiuso con un Referendum popolare, il 4 dicembre, di grande significato, dal quale vorrei isolare una questione che a mio giudizio deve essere centrale nella vita politica del paese e di coloro che in questo paese vogliono continuare a costruire, impegnandosi politicamente su piani diversi, l’eguaglianza e la giustizia sociale.

La questione è quella della partecipazione alla vita sociale e politica come elemento da non considerare esclusivo o di proprietà di quelli che “scendono in campo” diventando professionisti della politica. Una partecipazione che può avvenire attraverso forme diverse, perché in Italia l’interesse a capire “come funzionano le cose” e come “dovrebbero funzionare” si è estesa. E le competenze delle persone sono cresciute, grazie anche alla diffusione di sistemi di formazione non- formali.

Le persone vivono e pagano sulla propria pelle le dis-funzioni delle istituzioni e la corruzione politica; la rete, con le sue innumerevoli potenzialità per lo sviluppo di conoscenze che superino le tradizionali tecniche oscurantiste, consente di costruire un proprio percorso e andare oltre, facendo paragoni. E non solo questo, naturalmente.

Ma spesso non ci sono modi e luoghi per aggregare idee, confrontare pensieri e soggettività diverse che stentano ad organizzarsi in movimenti di una certa solidità.

I tentativi ci sono stati e ci sono, però si infrangono in una realtà che sembra assorbire la loro energia inserendola in un flusso inarrestabile di cui la fonte sembra sfuggire a qualsiasi tentativo di controllo e gestione, tanto è autoreferente il capitalismo, che ha movimento e dinamica insiti, propri.

Si aggiunge la crisi dei partiti, come luogo di aggregazione e scuola di formazione politica e di partecipazione alla cittadinanza, che ha lasciato dei vuoti. Non si trova che qualche raro circolo attivo sul territorio, che porti avanti un programma pensato e progettato proprio per dare accesso alla partecipazione attiva, per dare ascolto alla cittadinanza, per organizzare battaglie di lungo respiro (già tanto si è detto). I luoghi così della sinistra vera, a mio giudizio, dovrebbero ri-costituirsi, confrontandosi con la contemporaneità, aprendosi all’accoglienza delle nuove questioni di questa società complessa, con quegli strumenti teorici che sono comunque irrinunciabili, ma da non usare come clave preistoriche, anzi, ri-comprendendoli nell’oggi.

Trovarsi a discutere di un presunto Codice etico, che viene dal vuoto, mancando di idee ben strutturate e concetti validi; di proposte politiche figlie di pensieri sradicati che circolano come virus nella dimensione mediatica e virtuale che della tecnologia utilizzano solo ciò che la rende più inaffidabile. Ecco è questo che dovremmo riconoscere e curare.

Ora, vista la partecipazione al Referendum costituzionale, osserviamo più da vicino proprio quell’istituzione che abbiamo voluto difendere. Questo non è che un primo spunto.

Cosa si fa in Parlamento

Ci sono 950 parlamentari tra Camera e Senato, ma solo una manciata riesce a essere determinante. Nell’indice di produttività la stragrande maggioranza degli/lle eletti/e ottiene un punteggio basso, raggiungibile anche solo con le presenze. Solo il 5% riesce ad avere un’influenza sui lavori dell’aula.

Analizzare l’attività del parlamento italiano e la produttività dei singoli parlamentari, è cosa complessa e in questo dossier di Openpolis, vengono tenuti presenti i diversi fattori significativi.

Una cosa rilevante è l’avere un ruolo chiave, come quello di presidente di commissione, ruolo che non è distribuito in modo uniforme tra i vari gruppi presenti in Parlamento. Un altro ruolo chiave è quello di relatore dei provvedimenti proposti, che può divenire un ruolo di animatore del dibattito e, quindi, conduttore che dà un indirizzo.

Ma avere più di un incarico, politico o istituzionale, come ad esempio avere un ruolo di ministro, o altro in altre istituzioni, riduce la possibilità di incidere e partecipare ai lavori, riduce le presenze e la partecipazioni ai lavori parlamentari.

Certo è che risulta anche un altro dato, cioè che non è la continua presenza a dare un alto indice di produttività al deputato o al senatore, elemento che suscita qualche nodo di riflessione, perché bisogna capire chi sono questi bravi parlamentari sempre presenti e perché la loro incidenza non è così importante: in che modo vengono distribuiti gli incarichi? Quale preparazione hanno o cercano di costruirsi? Per quale motivo risultano eletti: il loro ruolo sembra essere quello di garantire una parvenza di presenza parlamentare quando l’aula (lo vediamo a volte nei servizi giornalistici) è quasi vuota?

Guardando al contesto politico del parlamento italiano, negli ultimi anni, viene fuori che la produzione legislativa italiana è sempre più in mano all’esecutivo. Ma non avevamo dato per certo che perché una democrazia sia equilibrata, è necessaria la illuministica e montesquieuiana tripartazione dei poteri esecutivo, legislativo e giudiziario? Anche la nostra Costituzione affida al parlamento la funzione legislativa.

In effetti, col governo Renzi si è portato a compimento il rafforzamento dell’esecutivo che ha fatto registrare un rapporto di 8 a 2: su 10 atti che sono diventati legge solo 2 sono stati del parlamento e 8 del governo. Abbiamo perlopiù assistito ad una dinamica parlamentare di dibattito non tra maggioranza e opposizione o tra gruppi parlamentari, ma tra Governo e Opposizione. Non vogliamo che continui così.

Ecco, chiudo quest’osservazione sul funzionamento parlamentare, tornando al punto d’inizio, sull’importanza del proseguire la strada indicata dal 4 dicembre, sulla quale strada c’è anche il far sì che il Parlamento riprenda il suo pieno funzionamento.

07/01/2017 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Laura Nanni

Roma, docente di Storia e Filosofia nel liceo. Fondatrice, progetta nell’ A.P.S. Art'Incantiere. Specializzata in politica internazionale e filosofia del Novecento, è impegnata nel campo della migrazione e dell’integrazione sociale. Artista performer. Commissione PPOO a Cori‐LT; Forum delle donne del PRC; Stati Generali delle Donne.

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: