Lettera alla Signora Ferilli

Gent.ma Signora Ferilli, è sera e mentre la osservo in una delle tante trasmissioni tv.


Lettera alla Signora Ferilli

Gent.ma Signora Ferilli, è sera e mentre la osservo in una delle tante trasmissioni tv, mi ritornano in mente le sue parole a difesa della gente comune, la sua contrarietà al Jobs Act e la sua avversità verso chi sfrutta i lavoratori pronunciate durante l’ultima intervista a Ballarò. Così, vedendola sorridente ed allegra in tv, immagino quanto difficile debba essere per lei mostrarsi alle telecamere sapendo di dover rientrare in casa e confrontarsi su questi temi con Suo marito, Flavio Cattaneo – amministratore delegato di Telecomitalia – che percepirà un bonus da 55 milioni di euro da una azienda i cui cinquantamila dipendenti sono in cassa integrazione (cassa integrazione pagata con le tasse dei contribuenti), da anni.

Non posso che pensarla affranta e dilaniata all’idea che il 4% del risparmio ottenuto da suo marito – teste tagliate, dipendenti licenziati o trasferiti nel ramo d’azienda da esternalizzare dal nome originalissimo di “Job center” – verrà da lui intascato e utilizzato per scarpe nuove, abiti alla moda e cene in lussuosi ristornati. A lei, Signora Ferilli, la mia solidarietà pensando quanto debba essere difficile convivere con chi, a favore di un guadagno così alto, ha deciso da un giorno all'altro di eliminare i nidi aziendali, le colonie per i figli dei dipendenti e quella piccola assicurazione che garantiva un sostegno per visite mediche e medicine a chi ha uno stipendio da impiegato.

A lei Signora Ferilli, a lei che ha così a cuore il mondo del lavoro ed i lavoratori – quei lavoratori che con i loro 1400 euro mensili incarnano esattamente lo stereotipo del lavoratore che difendeva a Ballarò – la mia comprensione pensandola mortificata e addolorata nel vedere che suo marito ha mantenuto i privilegi della classe dirigente, i loro bonus da decine di migliaia di euro, le loro Audi e le loro BMW, le loro assicurazioni, i loro checkup medici ed i loro mutui a tasso agevolato mentre costringe i dipendenti a pianificare – fuori da ogni accordo sindacale – i permessi personali fino a dicembre – si i permessi personali, quelli che servono per accompagnare un figlio a scuola in ritardo, per andare dal medico o per andare a trovare un parente malato in ospedale – a prendere le ferie nel periodo più caro dell’anno e ai quali toglierà anche i buoni pasto.

A lei Signora Ferilli, pensandola combattuta tra amore ed etica, tra l’amore verso l’uomo e la rabbia verso il manager che ha addossato non alla dirigenza ma ai dipendenti il conto da pagare degli illeciti dei quali l’Authority ha incolpato l’azienda - punendoli non versando il dividendo azionario stabilito dal contratto – voglio offrire comprensione, vicinanza e disponibilità ad intraprendere qualsiasi lotta voglia manifestare insieme a noi lavoratori.

Con affetto e stima,
Una dipendente Telecomitalia

22/07/2016 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Super User

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: