Un 2 giugno di lotta - Roma

Il 2 giugno gli antisistema di facciata vanno alla parata militare, i comunisti manifestano contro gli armamenti e l’imperialismo.


Un 2 giugno di lotta - Roma

Se solo avessimo il tempo e la voglia di posare lo sguardo, critico, un minuto in più, su ciò che ci circonda a partire dai nostri luoghi di lavoro e dai nostri quartieri, non ci sarebbe il tempo, per i nostri aguzzini, di preparare le valigie e scappare. Se solo avessimo coscienza dell’irrazionalità di questo “mondo”, l’istante successivo il mondo stesso cambierebbe. Perché, infatti, non c’è ragione razionale alcuna per investire miliardi e miliardi in strutture militari di guerra, lavorare tanto alacremente per produrre morte.

Servono ospedali, scuole, parchi e invece le priorità, in questo mondo, a quanto pare sono i centri militare. Questo, almeno, è quello che accade Pisa, che ospita la struttura logistico-militare più importante del nostro paese, alla quale si appoggiano tutte le altre basi per rifornirsi prima di proiettarsi nelle missioni di guerra in varie parti del globo. Questo accade a Centocelle, uno dei più popolosi (e tra i più problematici) quartieri di Roma dove, anziché risanare lo sterminato parco omonimo – oggi lasciato all’incuria, al degrado ambientale, all’abusivismo più sfrenato e impunito – a beneficio delle centinaia di migliaia di famiglie che abitano nella zona, si è deciso di trasformarlo in un centro di comando interforze dal quale partiranno le inutili e dispendiose missioni militari dirette all’estero e che, di converso, diventerebbe anche il principale obiettivo di attacco in caso di tensioni internazionali o conflitti. Della serie: fintanto che le bombe rischiano di beccarsele solo i poveri...

L’Italia, come altri paesi imperialisti, è presente in decine di fronti di guerra e missioni per il controllo e la gestione dei flussi di valore e, nel concorrere alla spartizione del mondo, contribuisce al disegno imperialista euro-atlantico che mira a creare morte, miseria, deportazioni forzate e di massa da un capo all’altro del mondo, devastazioni in nome dell’accrescimento smisurato delle ricchezze patrimoniali di qualche decina di persone al mondo. Che mondo è questo in cui alla miseria della guerra si aggiunge la tragedia delle deportazioni? E poi alla tragedia delle deportazioni si aggiunge quella della schiavitù e a quest’ultima si aggiunge quella del razzismo, coltivato e saggiamente fomentato da qualche movimentucolo populista e xenofobo per convogliare la giusta rabbia delle persone prostrate dalla crisi nei confronti di coloro che ne sono altrettanto vittime ma semplicemente provengono dall’altro capo del mondo, anziché verso i reali responsabili? E così, senza troppi patemi d’animo, si giunge a sparare a un “nero” quasi come fosse un animale.

Se solo ci fermassimo un minuto a riflettere il minuto successivo cambierebbe tutto.

L’iniziativa organizzata da Potere al Popolo contro il pentagono italiano promossa da questo giornale e organizzata in collaborazione con Rete No War, USB, Cinecittà Bene Comune, CUB immigrazione e a cui hanno partecipato anche Rete dei Comunisti e collettivi locali è servita proprio a questo: a tenere alta l’attenzione a presentare un altro modo di vedere il mondo perché un altro mondo è possibile.

09/06/2018 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: