Istruiamoci, agitiamoci, organizziamoci!

Il più grande dirigente comunista italiano è tutt'altro che morto


L'11 febbraio 1917 usciva il numero unico de La Città Futura. Un secolo dopo Gramsci, il più grande dirigente comunista italiano, è tutt'altro che morto. Noi comunisti rivendichiamo il suo pensiero e la sua eredità politica ed intendiamo sforzarci ed impegnarci a mettere a frutto oggi e sempre gli importanti insegnamenti di Antonio Gramsci.
"Dire la verità, arrivare insieme alla verità, è compiere azione comunista e rivoluzionaria" (Democrazia operaia, L'Ordine Nuovo, 21 giugno 1919)

29/04/2017 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

Tags:

L'Autore

Redazione

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: