Le ragioni di un convegno sull’autonomia scolastica

Convegno nazionale. 20 anni di autonomia scolastica, dalla legge 59/1997 alla legge 107/2015. Cosa è successo alla scuola in Italia?


Le ragioni di un convegno sull’autonomia scolastica

22 febbraio 2018 ore 8.30 - 14.00 Liceo Classico “Torquato Tasso” Via Sicilia 168, Roma.

Riflettere oggi sulla 107, la cosiddetta 'buona scuola', significa necessariamente ripercorre un lungo cammino. Un cammino durato 20 anni che, riforma dopo riforma, ha trasformato profondamente forma e funzione dell'istituzione scolastica in Italia. La legge sull'autonomia scolastica, promossa da Luigi Berlinguer nel 1997, ha dato l'avvio ad una frammentazione insanabile di programmi, proposte, opportunità, facilitazioni con cui le scuole sono state gettate sul mercato dell'istruzione, in competizione tra loro per attrarre clienti e finanziamenti. La 'buona scuola' di Renzi, un unico articolo che declina l'autonomia in 212 commi che impongono digitale, competenze, alternanza scuola-lavoro, misurazioni e certificazioni, si appresta a cancellare l'ultimo ostacolo alla definitiva trasformazione aziendalistica di ciò che resta della scuola repubblicana nata con la Costituzione: la libertà di insegnamento, la libertà d'apprendimento.

10/02/2018 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: