Visualizza articoli per tag: populismo

Lo scenario politico è ancora molto frastagliato, e molto dipenderà dai risultati delle regionali. Occorre domandarsi cosa rappresenta questa svolta, quali conseguenze può portare negli assetti politico-istituzionali, ma soprattutto a quali settori economico-sociali risponde tale operazione politica.
Dietro al belletto del presunto risparmio, il taglio dei parlamentari ha lo scopo di ridurre gli spazi politici alle classi sfruttate. Le radici di classe del nostro NO al referendum.
Sabato, 30 Novembre 2019 22:06

Populismo, punti di partenza

Il populismo è una degli anelli della catena degenerativa che confondendo la rivolta romantica anticapitalistica con la critica del modo di produzione capitalistico produce il fascismo.
Domenica, 26 Maggio 2019 04:17

Sovranità popolare o nazionale?

L’illusorietà della sovranità popolare nei regimi liberaldemocratici, in assenza della prospettiva di una sovranità consigliare, favorisce il risorgere di una altrettanto mistificatoria sovranità nazionale.
Intervista a Gianni Porta, ricercatore e militante politico, dirigente nazionale oltre che consigliere comunale del PRC, autore del libro Buchi nell’acqua. Sinistra ed egemonia liberale nel movimento Acqua bene comune.
La guerra a Domenico Lucano, sindaco di Riace, ultimo esempio della fascistizzazione in atto.
Sabato, 11 Agosto 2018 22:29

I nuovi “amici del popolo”

Il popolo non ha amici o poteri che lo tutelino, ma ha bisogno innanzitutto di fuoriuscire dall’ignoranza cui è stato da sempre relegato.
Mondializzazione e sovranismo: due strategie per mantenere in vita il sistema capitalistico?
Sabato, 23 Giugno 2018 21:28

È possibile un populismo di sinistra?

Dinanzi ai successi del populismo, ci si interroga se per tornare a vincere ci sia bisogno del cosiddetto populismo di sinistra.
La crisi spinge la classe dominante a un’ulteriore svolta antidemocratica, aprendo una prateria alla destra radicale ma, potenzialmente, anche a una sinistra realmente di classe.
Pagina 1 di 2
Pin It

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: