Visualizza articoli per tag: propaganda

Venerdì, 01 Luglio 2022 12:05

La nuova concezione della guerra

Nell’ultimo trentennio la propaganda bellica ha dato alla guerra dimensioni globali e sistemiche, fino a declinarla secondo i connotati manichei e assolutizzanti di un conflitto fra bene e male, civiltà e barbarie, inaugurato dal considerare il conflitto armato come un’operazione di polizia internazionale.

Venerdì, 20 Maggio 2022 18:07

Contro la guerra!

 Sono utili i criteri morali per comprendere una guerra?

I massacri della guerra, decontestualizzati dalla storia, vengono tutti imputati, aprioristicamente alla Russia, senza alcuna indagine. L’esercito ucraino può fare tutto, anche massacrare i civili, tanto è completamente supportato da una stampa internazionale che la sostiene.

La profezia di Marshall McLuhan secondo cui la propaganda sostituirà la politica si è avverata. L’isteria bellica che si è abbattuta come un’onda anomala nelle ultime settimane e mesi ne è l’esempio più eclatante.

Venerdì, 19 Marzo 2021 21:58

L’anti-Goebbels: marketing e nazismo

In una società basata sul consumo, il marketing ha logiche impositive paragonabili alla propaganda totalitaria, non evidenti solo perché più subdole.

Sabato, 02 Febbraio 2019 20:11

Le dittature e il fardello dell’uomo bianco

La propaganda contro il Venezuela bolivariano criminalizza i nemici da conquistare.
Sabato, 22 Aprile 2017 17:44

Venezuela, il corto circuito della propaganda

I paraocchi che impediscono di vedere i veri golpe in America Latina.
Sabato, 14 Gennaio 2017 13:38

Bufale, soffiate e pizzini

La censura, la manipolazione e la sovrapproduzione di notizie come strumenti di lotta di classe
Venerdì, 23 Ottobre 2015 16:55

Manuali fascisti - parte V

Prosegue l’analisi di alcuni testi scolastici, diffusi in epoca fascista.

Venerdì, 16 Ottobre 2015 12:26

Manuali fascisti - parte IV

Prosegue l’analisi di alcuni testi scolastici, diffusi in epoca fascista, sulle più vistose omissioni e censure storiche operate dalla propaganda di allora.

Pin It

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: