De più nu’ sse pò

De più nu’ sse pò


De più nu’ sse pò

di Eudaimon

Quer Kante Emmanuele, gran Dottore,

se fece sta domanna capitale:

“ La nostra cognoscenza cià valore?

Er vero è forze quelo che ce appare? ”  

 

Quinni se inventò er Trascennentale,

che der sapè è la connizzio a priore:

e, come co la rete er pescatore

pò pijà li pesci in mezzo ar mare, 

 

ma gnente sa der fonno su’ abbissale,

cusì l’omo, siconno er Penzatore,

nun pò cognosce er monno ner totale, 

 

se debbe limità ar fenomenale.

Ecche perchè, pe conzolaje er core,

je diede come ajetto la Morale

 

 

18/08/2015 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

Tags:

L'Autore

Eudaimon

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: