Dicembre

Fettuccine radicchio e gorgonzola


Dicembre

Fettuccine radicchio e gorgonzola

di Rita Tersilla

Un giorno un’amica ti coinvolge nella sua nuova avventura con queste due frasi in una chat:
“Ti piacerebbe pubblicare una ricetta sul neo nato giornale online di cui faccio parte ? Una ricetta facile, perfetta per chi ha fatto una giornata di lavoro in redazione e torna a casa in bicicletta sotto il diluvio,  apre il frigo e deve decidere cosa mangiare. Che ne so, magari una ricetta
rossa!”
Ho pensato: E’ una amica, è un gioco, è una ricetta, quindi perché no ! Ed eccoci qua con la nostra prima ricetta rossa!

Questo periodo di rosso al mercato c’è poco, tolto i pomodori, i peperoni, la frutta rossa che non sono di stagione ci rimane il radicchio rosso di Treviso e poco altro! Il radicchio di Treviso è rosso scuro, croccante, ha delle striature bianche ma soprattutto, il suo gusto amarognolo è inconfondibile. Ne esistono due varianti, quello Precoce e quello Tardivo. Il Radicchio precoce fa la sua comparsa subito dopo l’estate (a settembre) è leggermente più amarognolo ed è anche meno pregiato, si differenzia dal radicchio tardivo perché il ceppo è più voluminoso, allungato e ben chiuso contrariamente a quello Tardivo che si presenta con le foglie separate che tendono a chiudere il ceppo nella parte apicale e una parte di radice.
E’ un ortaggio invernale molto versatile si può usare crudo per fare insalate, semplice in padella o al forno ma anche zuppe, risotti e pasta come nella ricetta rossa di dicembre!

Fettuccine radicchio e gorgonzola

Ingredienti per 4 persone

2 radicchi trevigiani circa 500 g

2 scalogni

qb olio

2 cucchiaio di aceto di vino bianco

2 cucchiaio di zucchero di canna

40 g di uvetta

40 g pinoli

150 g di gorgonzola

320 g di fettuccine secche

200 g vino bianco

Mondate il radicchio e tagliate ogni foglia in grossi pezzi.

Sbucciate gli scalogni e tritateli finemente, soffriggeteli con un filo d’olio in padella insieme allo zucchero di canna e l’aceto di vino bianco, aspettate che lo zucchero si sciolga e lo scalogno cominci ad appassire ed aggiungere il radicchio, saltate a fuoco vivace per 5 minuti, mescolando spesso. Unite l’uvetta precedentemente ammollata in acqua calda per una ventina di minuti, i pinoli, salate e bagnate
con il vino bianco. Incoperchiate e lasciate stufare per 10 minuti.
Nel frattempo cuocete le fettuccine, scolatele mantenendo un po’ di acqua di cottura  e ripassatele in padella con il radicchio. Impiattate e disponete il gorgonzola a pezzetti sui piatti. Spolverate di pepe e servite subito.
Potete dimezzare la quantità di gorgonzola se preferite utilizzarlo solo come decorazione.


Vino in abbinamento consigliato: Valle d’Aosta Gamay

*Rita Tersilla, cultrice delle tradizioni culinarie in particolar modo del cibo di strada, collabora con varie testate  giornalistiche e tiene consulenze sulle tematiche gastronomiche. E’ inoltre cuoca del canale web “D - Ricette” del Gruppo Editoriale “L’Espresso”. Nel 2008 dà vita ai Sarti del Gusto (www.sartidelgusto.it) che si occupano di organizzare degustazioni ed eventi enogastronomici pubblici e privati.

04/12/2014 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

Tags:
  • ,

L'Autore

Rita Tersilla

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: