Low!

Un nuovo appuntamento con le #poesie di classe di Giuseppe Vecchi.


Low! Credits: wsimag.com

Ogni sentenza va rispettata!
tre gradi di giudizio
tre sentenze diverse
allora mi chiedo:
quale quella da rispettare?
E invece no:
ogni sentenza può avere la sua maledizione
perché ogni sentenza può contenere l’ingiustizia,
la persecuzione ed il danno,
non esistono sentenze ispirate da dio.
Ogni cosa umana ha i suoi limiti
e ogni uomo è la misura
di tutte le cose e ha il suo metro di giudizio.
Non esistono tribunali divini
salvo, forse, quelli ecclesiastici
che infatti bruciavano le donne
chiamandole streghe
per un infuso d’erbe.

Vi fu un tempo in cui
il pretesto furono gli dèi
e la corruzione dei giovani.
Occorre sempre un pretesto
per condannare un innocente
la cui coerenza si negò il riscatto.
Ma fuggire non era violare la legge,
se è la legge a violare l’uomo
e il sangue di un uomo macchiò d’infamia coloro
che avevano comunque deciso
una condanna e una pena.
La sola cosa empia
la sola violenza
fu quella remota condanna.

Tutto ciò mi ricorda di quando
il fratello rubò uno stallone
e fu condannato a morte.
Solo un modo ad evitare l’assurdo
di una sentenza assurda.
Come andò a finire
chiedetelo ad Anathea.


Leggi tutte le #poesie di classe di Giuseppe Vecchi

22/09/2018 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: wsimag.com

Condividi

L'Autore

Giuseppe Vecchi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: