Tutte le donne di Alina

“Pelle di donna” è l’ultimo libro di Alina Rizzi, scrittrice e giornalista comasca, megafono dell’universo femminile


Tutte le donne di Alina Credits: http://www.ciaocomo.it/photogallery_new/images/2016/03/pelle-di-donna-109486.660x368.jpg

Alina Rizzi, nata a Erba nella Brianza comasca, è una scrittrice e giornalista con la passione del femminile. Ha al suo attivo moduli e stili letterari svariati: romanzi, poesia, teatro, racconti dove la cifra di una scrittura femminile audace e tenace intreccia la passione e la ragione in una aspirazione inestricabile.

Nota al grande pubblico per il romanzo “Amare Leon” (Pizzo Nero-Borelli 2005) che nel 2005 ispirò Tinto Brass per il suo film “Monamour, ha curato per vari editori antologie in prosa e poesia di autrici e voci letterarie femminili italiane.

Il suo ultimo libro “Pelle di Donna” (Bonfirraro ed. 2015) raccoglie la sfida della più triste attualità, riunendo in forma di narrazione-racconto le testimonianze di donne che hanno attraversato l’esperienza della violenza subìta, ma uscendone – ognuna a proprio modo – vincitrici su quello che si annunciava come un amaro destino.

Il fitto dialogo di Alina con se stessa e le altre donne, prese tutte nel giro della vita, si è snodato nel tempo in altre pubblicazioni in prosa: “Ritratti” (ConTatto, 2000); “Come Bovary” (Traven Book 2005); “Donne di Cuori” (Rusconi Libri, 2010); “Scrivimi d’amore” (Leone editore, 2014); “Bambino mio - quello che le madri non dicono” (Il ciliegio, 2014). Tra le sue pubblicazioni in versi e raccolte poetiche segnaliamo “Rossofuoco” (Lietocolle, 2002); “Hic et Nunc” (Pulcinoelefante, 2003); “Il Frutto sillabato” (Dialogolibri, 2004); “La danza matta” (Ismecalibri, 2010).

Da anni, poi, come giornalista per vari periodici italiani (TuStyle - Mondadori; F e Natural - Cairo Editore), Alina si muove sul filo di una passione anche civile intorno ai corpi, ai casi e alle pratiche delle donne firmando recensioni, interviste letterarie e articoli di attualità e costume.

Ha vinto premi letterari e suoi testi sono pubblicati in diverse antologie. Tra queste l’ultima, americana, “La dolce vita” (Running Press) è stata pubblicata nell’aprile 2013 in Inghilterra e negli USA.

Un pregevole volumetto di raffinata narrativa erotica italiana selezionata dall’editor “planetario” Maxim Jakubowski tra i racconti di erotismo delle scrittrici contemporanee più rappresentative in Italia.

Come arte-terapeuta diplomata, la scrittrice erbese tiene corsi di scrittura autobiografica e ha declinato pratiche di condivisione artistica itinerante, come l’iniziativa La Coperta delle Donne, un manufatto tessile modulare e ricco di creatività che dal 2008 ha saputo coinvolgere in Italia e all’estero centinaia di donne e le loro associazioni, con una trama in divenire che è un po’ lino di Penelope – intessuto dei fili multicolori di tante sorelle – un po’ labirinto e tela di ragno, ma anche colta “Caccia, danza, tattica e abnegazione di Atena”, nelle parole che possiamo leggere sul Blog di Alina Rizzi.

10/09/2016 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: http://www.ciaocomo.it/photogallery_new/images/2016/03/pelle-di-donna-109486.660x368.jpg

Condividi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: