Roma. Riuscito lo sciopero contro Renzi, Gabrielli e Marino

Venerdì 2 ottobre sciopero e corteo a Roma contro le privatizzazioni di ATAC e AMA.


Roma. Riuscito lo sciopero contro Renzi, Gabrielli e Marino

Venerdì 2 ottobre riusciti lo sciopero e il corteo a Roma contro le privatizzazioni di ATAC e AMA. Respinti i tentativi di criminalizzazione di governo e Prefetto. Si manifesta la possibilità di un'opposizione "da sinistra" alla giunta Marino e alle forze politiche che lo sostengono da 2 anni?

di Fabio Sebastiani

Le cronache parlano di una città nel caos anche a causa del maltempo e della concomitanza di ben due cortei, uno al mattino e uno nel pomeriggio; ma ieri a Roma è successo che un piccolo sindacato di base, l’Usb, tacciato di voler fare uno “sciopero politico”, direttamente dall'assessore Esposito, in realtà ha convinto migliaia di lavoratori a restare a casa.

Gli addetti di Atac e Ama, hanno quindi voltato le spalle al sindaco Marino, al prefetto Gabrielli e a Cgil, Cisl e Uil che all’ultimo momento avevano deciso di differire lo sciopero.

I lavoratori hanno detto no alla privatizzazione di tutte e due le aziende. E, soprattutto, a un attacco senza precedenti ai diritti del lavoro. Non a caso la manifestazione è cominciata proprio davanti al Colosseo, dove i lavoratori sono stati tacciati di “terrorismo” per aver voluto fare una normale assemblea sindacale.

L'articolo completo su Controlacrisi.

04/10/2015 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

Tags:
  • ,

L'Autore

Fabio Sebastiani

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: