L’ATAC non è criticabile: autista sospeso

 Christian Rosso, dipendente dell’azienda dei trasporti romani, è stato da questa sospeso a tempo indeterminato dal servizio per aver diffuso un video di denuncia sulle inefficienze del sistema dei trasporti pubblici della Capitale.


L’ATAC non è criticabile: autista sospeso

 

Christian Rosso, dipendente dell’azienda dei trasporti romani, è stato da questa sospeso a tempo indeterminato dal servizio per aver diffuso un video di denuncia sulle inefficienze del sistema dei trasporti pubblici della Capitale. 

di Leone Lazzara

Vicende come quella dell’autista Christian Rosso, ormai sempre più frequenti e non solo nelle aziende del trasporto pubblico locale, sono emblematiche sia di quanto sta accadendo in Atac sia di quanto avviene nell’intero mondo del lavoro italiano. In effetti, possiamo dire che la madre di questa reazione sempre più virulenta del padronato nostrano è nata cinque anni fa alla Fiat di Pomigliano d’Arco, nel settore privato, all’epoca in cui Marchionne prese di petto i suoi operai accusandoli di non reggere chissà quali ritmi di lavoro, proprio loro che si davano malati in occasione di ogni partita della nazionale. Per giorni, settimane, mesi, finché, insomma, non si votò “si” o “no” all’accordo che riportava le condizioni di lavoro in quella fabbrica tali e quali a quelle di sessant’anni prima, padroni e stampa scatenarono contro i lavoratori parole infuocate sui loro privilegi, diluvi di frasi fatte sui loro vizi, cantilene incontenibili di lamentele sui prodotti fatti male, slavine improvvise di maldicenze sui Bot nelle loro saccocce e valanghe inarrestabili di pretese impossibili nei loro confronti, neanche si stesse parlando di macchine. 

Stando dentro quella nera temperie artificiale, era praticamente inevitabile schierarsi con la povera Fiat che sopportava ormai da tempo immemorabile il parassitario arbitrio dei suoi operai. Le voci di chi ricordava a Marchionne che la Fiat aveva perso nei decenni quote sempre più consistenti di mercato per aver scelto deliberatamente di costruire al risparmio persino le auto di fascia alta, in quella nera temperie artificiale erano a malapena udibili.
Il fatto vero, incontestabile e inconfutabile perché esperito, cioè che la Fiat vendeva sempre meno perché non innovava puntando alla qualità, venne letteralmente affogato negli abissi delle opinioni più impertinenti, condannando i lavoratori alla resa. Dopo fu anche peggio perché alcuni di quelli che decisero di resistere continuando a dire la verità, vennero licenziati e rientrarono solo perché c’era ancora l’articolo 18 a difenderli. 

Christian Rosso è un autista dell’Atac in carica alla Rimessa di Acilia, mentre io sono in carica alla Rimessa di Magliana. Egli ha dovuto fare i conti con questa prassi, ormai consolidata, con la forza per cui le aziende possono parlare male dei propri dipendenti anche e soprattutto se non hanno prove, mentre i dipendenti non debbono parlare male delle proprie aziende anche e soprattutto se hanno prove. 

Per quanto concerne il merito delle cose da lui dette nel video che gli è costato la sospensione a tempo indeterminato, purtroppo non v’è molto da dire; anche io guido, come lui, e la sigla M.M. la conosco molto bene e non è necessario che aggiunga altro se non ribadire che essa significa “Mancanza Materiale”; per cui, la stragrandissima maggioranza delle 500 vetture Atac su 2000 che ogni giorno si guastano per strada vengono solamente fatte ripartire alla bene e meglio per guastarsi di nuovo, addirittura più volte nel corso delle 24 ore. 

Marino, assieme ai suoi nomi nuovi in Atac e la stampa compiacente, non cesseranno di scatenare contro noi lavoratori parole infuocate sui nostri privilegi, diluvi di frasi fatte sui nostri vizi, cantilene incontenibili di lamentele sulla nostra indolenza, slavine improvvise di maldicenze sui Bot nelle nostre saccocce e valanghe inarrestabili di pretese impossibili nei nostri confronti, finché non avranno affogato negli abissi delle opinioni più impertinenti tutti i Christian Rosso che oseranno dire la verità, cioè che gli autobus non passano principalmente perché si guastano e non ci sono i pezzi di ricambio per ripararli. L’obiettivo, manco a dirlo, è quello di riportare le nostre condizioni di lavoro tali e quali a quelle di sessant’anni fa con la cittadinanza che, come sessant’anni fa, si dovrà accontentare di quel poco che passa il Comune. Noi, però, possiamo fermarli rilanciando con forza e a più non posso la voce dei Christian Rosso fra tutti i cittadini conducenti e i cittadini utenti. 

07/08/2015 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Leone Lazzara

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: