Francia, a che punto è la protesta contro la riforma delle pensioni

Cinque settimane di sciopero e nessuna prospettiva di porre fine alla crisi a breve termine. Descrizione dettagliata della riforma e delle posizioni delle diverse organizzazioni in lotta.


Francia, a che punto è la protesta contro la riforma delle pensioni Credits: quotedbusiness.com

Mentre il movimento sociale contro la riforma delle pensioni entra nel suo 46 ° giorno di manifestazioni, il testo “due in uno” - un disegno di legge ordinario e un disegno di legge organico – sarà presentato al Consiglio dei ministri il 24 gennaio prima di essere esaminato dall'Assemblea nazionale dal 17 febbraio.

La riforma.

Mercoledì 11 dicembre Edouard Philippe, il Ministro degli Interni, ha illustrato le linee generali della futura riforma delle pensioni. Nel complesso ha confermato l'architettura del futuro piano pensionistico "universale" che rappresenta la misura di punta del programma presidenziale di Emmanuel Macron durante la campagna presidenziale del 2017 e delineato nel rapporto Delevoye pubblicato a luglio.

Nel corso delle ultime settimane, il Ministro degli Interni si è concentrato sul fornire risposte a domande che finora sono state lasciate a grandi incognite e che hanno sollevato enormi malumori nella società civile, riversandosi nei più lunghi scioperi che la Francia abbia mai conosciuto, facendo anche chiarezza su alcune aree della riforma, compreso il suo calendario per l'attuazione. Ma quali sono i principali punti della riforma?

Creare un unico piano pensionistico "universale".

Attualmente esistono quarantadue piani pensionistici, ciascuno con le proprie regole. Emmanuel Macron si è impegnato durante la campagna presidenziale del 2017 a creare un “sistema pensionistico universale in cui un euro conferito dia gli stessi diritti” a tutti. “Universale, inteso per tutti (...), senza eccezioni”, ha assicurato Edouard Philippe, incluso “lo staff politico”. Ciò significa che tutti i lavoratori contribuiranno allo stesso piano durante la loro carriera e che la pensione verrà calcolata secondo regole comuni. Dichiara l’introduzione di una grande semplificazione anche per coloro che cambiano carriera durante la loro vita lavorativa, dal momento che non passeranno più da un piano pensionistico all'altro.

Basare il calcolo delle pensioni su un sistema a punti.

Nel sistema desiderato dal governo, i contributi dei lavoratori vengono convertiti in punti di pensionamento. Un punteggiofittizio per tutta la carriera, quindi convertiti in euro al momento del pensionamento. I punti “bonus” possono anche essere concessi in determinate situazioni (disoccupazione, congedo di maternità, sostegno a una persona cara, ecc.). D'altro canto, il sistema previsto rimane a ripartizione, vale a dire che i contributi delle persone attive vengono utilizzati per finanziare le pensioni di chi in quel momento è pensionato.

Un'età pensionabile legale di 62 anni, ma anche un’ “age pivot”.
Edouard Philippe ha annunciato che non c’è un cambio dell'età pensionabile nella riforma. Qualsiasi persona attiva continuerà ad essere in grado di andare in pensione a 62 anni, o addirittura a 60 anni in determinati casi (carriera lunga, difficile ecc.) affermando e sottolineando che “senza forzare, dobbiamo incoraggiare i francesi a lavorare più a lungo”. È per questo motivo che il governo prevede l’introduzione  di un’età dell'equilibrio, o “age pivot”. In caso di pensionamento prima di questa età, il valore in punti verrebbe ridotto. Al contrario, il punteggio sarebbe migliorato per coloro che se ne andranno in seguito, a 67 anni. In pratica a 62 anni la pensione è ridotta, a 64 c’è un malus  mentre a 67 anni si esce con un bonus.

Mentre il rapporto Delevoye prevedeva di fissare questa età cardine a 64 anni nel 2025, il governo ora propone che la questione venga affrontata dalla governance del futuro sistema pensionistico, che riunirà sindacati e datori di lavoro. Il Primo Ministro ha affermato tuttavia l'esistenza di deroghe per “coloro che sono esposti a missioni pericolose” (vigili del fuoco, polizia, soldati, gendarmi, ecc.).

Il grafico sotto riportato mostra come la riforma delle pensioni sponsorizzata dal governo si applica ai lavoratori entro la data di nascita.

I conti di pensionamento potrebbero non essere in pareggio dal 2025

Secondo una relazione del Consiglio di orientamento delle pensioni (COR) pubblicata a novembre, il disavanzo del sistema potrebbe raggiungere tra i 7,9 e i 17,2 miliardi di euro nel 2025 così com'è. Tuttavia, la relazione Delevoye prevedeva che i conti del sistema pensionistico sarebbero stati in pareggio entro il 2025, l'anno di entrata in vigore per la riforma. Una prospettiva che è stata fortemente criticata dai sindacati.

Edouard Philippe ha inoltre annunciato che “non esiste un programma nascosto. Non stiamo cercando piccoli risparmi qui o là. Al contrario, vogliamo proteggere il potere d'acquisto dei pensionati” anche se, come riportato nei giorni scorsi dal maggiore quotidiano d’inchiesta online francese Mediapart e facendo riferimento ad alcuni altri Stati europei che hanno già abbracciato il sistema di conversione a punti fra cui la Germania, afferma che questo sistema ha accresciuto la povertà delle persone anziane, contrariamente a quanto sostenuto da Eduard Philippe.

Le riserve dei regimi delle professioni liberali saranno preservate

Alcuni piani pensionistici professionali indipendenti oggi dispongono di riserve finanziarie che talvolta ammontano a miliardi di euro. Il fatto di creare un unico piano pensionistico universale solleva la questione del futuro di queste somme. Il rapporto Delevoye proponeva che parte di questo denaro dovesse essere utilizzata a beneficio del sistema universale, ma alcune professioni liberali erano inquiete per un possibile “blocco”.

Di fronte a questi timori, Edouard Philippe ha assicurato che "le riserve rimarranno nelle casse dei professionisti interessati" e potrebbero in particolare “sostenere la transizione” da questi piani al sistema futuro, citando il caso di ausiliari medici, avvocati o addirittura medici. “Non ci sarà nessun sifonamento", ha giurato.

Chi sarà interessato e quando?

Non cambierà nulla per gli attuali pensionati. Secondo quanto annunciato da Macron, gli attuali pensionati non saranno interessati dal nuovo piano pensionistico universale. Il calcolo della loro pensione non sarà modificato dalla riforma come i nati prima del 1975. La relazione Delevoye proponeva che la riforma delle pensioni dovesse applicarsi gradualmente ai lavoratori attivi nati nel 1963 e successivamente, a partire dal 2025, vale a dire quelli che avrebbero 62 anni. Alla fine, la riforma non inizierà ad applicarsi fino al 2037, per i nati prima del 1975 e per chi ha meno di diciassette anni dalla pensione.

Regimi speciali: i pensionamenti prima del 2037 non sono interessati

Fino all'entrata in vigore del regime universale nel 2037, i lavoratori affiliati a determinati regimi speciali possono continuare a ritirarsi dal lavoro prima dei 60 anni. Ad esempio, i nati prima del 1980 (per i pensionamenti all'età di 57 anni) o prima del 1985 (per i pensionamenti all'età di 52 anni) potranno continuare a ritirarsi secondo il vecchio sistema. Il nuovo sistema si applicherà quindi agli anni lavorati dal 2025. Il governo ha sempre menzionato una transizione graduale tra i due sistemi, ma Edouard Philippe ha spiegato, per la prima volta, come si svolgerà. Per i futuri pensionati interessati, coloro che andranno in pensione dal 2037, la pensione di anzianità sarà calcolata come segue:

  1. gli anni lavorati prima del 2025 saranno presi in considerazione "secondo le vecchie regole";
  2. gli anni lavorati dal 2025 saranno conteggiati secondo le regole del futuro regime.

Secondo il Ministro degli Interni, ciò significa che i primi pensionati interessati, nel 2037, avranno la pensione calcolata al 70%, come nell'attuale regime. "Per non danneggiare i regimi che basano le loro pensioni negli ultimi sei mesi, metteremo in atto un sistema molto protettivo", ha anche assicurato, in risposta alle preoccupazioni dei funzionari.

Infine la generazione del 2004 sarà la prima ad entrare nel sistema futuro che contribuirà al piano universale dal 2022 (e non dal 2025, come quelli nati dal 1975). Ciò significa che il passaggio a un piano pensionistico universale si concluderebbe con il pensionamento di questa generazione, tra il 2065 e il 2070.

Qual è la situazione attuale ad oggi?

Gli scioperi stanno continuando. Rispetto al progetto presentato l'11 dicembre, il primo ministro non ha fatto quasi alcuna concessione ai sindacati. Con disappunto delle organizzazioni riformiste (CFDT e Unsa), che chiedono il ritiro dell'età cardine e dell’universalità fino a CGT, FO, Solidaires, FSU, CFE-CGC, che chiedono l'abbandono della riforma. Questi ultimi hanno richiesto nuovi giorni di azione il 14, 15 e 16 gennaio, dopo la manifestazione di giovedì scorso, che ha raccolto 452.000 manifestanti in tutta la Francia secondo il Ministero degli interni.

Concessione principale: pensione di reversibilità

In effetti, il testo svelato dal governo la scorsa settimana presenta solo una grande concessione: la pensione di reversibilità. Il progetto iniziale prevedeva l'apertura di questo diritto dai 62 anni del coniuge beneficiario. Attualmente, le vedove e le vedove occupate possono beneficiarne dall'età di 55 anni. L’IPS, l’Istituto di protezione sociale (l’Inps transalpina) ha quindi allertato in un rapporto alla fine di novembre che i beneficiari potrebbero perdere dai 7 ai 9 anni di pensione. "Questo cambiamento costituirebbe una grave perdita di diritti per le persone interessate", ha affermato l’IPS.

Infine, nel progetto di legge, la pensione di reversibilità sarà assegnata dall'età di 55 anni. Ciò dovrebbe consentire alle vedove di mantenere il 70% delle risorse della coppia. Questa disposizione si applicherà “dal 2037”. Il governo ha anche allentato la sua riforma in termini di diritti della famiglia. Il disegno di legge consente alle donne che hanno già acquisito alloggi alla nascita di un bambino di convertire tali alloggi in punti. Questa disposizione non è stata pianificata finora, il che avrebbe comportato una perdita per le madri.

Strutture per determinate professioni

Nel corso dei giorni, il governo ha anche creato alloggi per determinate professioni. Se la riforma delle pensioni segna la fine di regimi speciali, l'esecutivo ha accettato sistemi “specifici”. In questo modo, la polizia e le forze armate, a causa della natura pericolosa della loro professione, potranno conservare il loro diritto al prepensionamento, così come i vigili del fuoco, i funzionari doganali, le guardie carcerarie e i controllori del traffico aereo. Queste eccezioni erano già state incluse nel rapporto di Jean-Paul Delevoye, presentato lo scorso luglio, ma la polizia ha anche ottenuto che i posti amministrativi fossero interessati.

Come detto precedentemente i sindacati sono al centro del conflitto sulla riforma delle pensioni, ma ognuno svolge un ruolo diverso e si sono uniti per scioperare e rifiutare la formula proposta dal governo. Tuttavia, dal CFDT al CGT, non hanno affatto le stesse posizioni sull'argomento “spinoso”. Franceinfo, principale emittente radio di referenza in Francia, ha fatto il giro delle principali organizzazioni sindacali, che molto probabilmente torneranno al tavolo delle trattative con il governo molto presto. Eccone un quadro riassuntivo

Solidaires

I suoi capi sono Eric Beynel e Cécile Gondard-Lalanne, co-delegati generali. La posizione è la seguente: l'Unione sindacale solidale ha chiesto, come la CGT, il ritiro della riforma. “Né modificabile né negoziabile: ritiro! le poche concessioni fatte non compenseranno l'impoverimento di tutti i pensionati, le disuguaglianze tra donne e uomini o la fine di schemi specifici”, avevano reagito dal sindacato dopo gli annunci di Edouard Philippe della scorsa settimana. Il suo approccio allo sciopero è consistito in un comunicato stampa pubblicato l'11 dicembre in cui il sindacato chiede di "aumentare la pressione, aumentare le manifestazioni e generalizzare lo sciopero per ottenere il ritiro di questa riforma". Giovedì 19 dicembre, SUD-Rail ha dichiarato che "manterrà il movimento prima del picco della stagione". L'organizzazione rappresenta circa un terzo dei macchinisti e oltre il 25% dei controllori.

Medef

Il suo capo è Geoffroy Roux de Bézieux, presidente dal 2018. La sua posizione è la seguente: il sindacato dei datori di lavoro vuole ripristinare l'equilibrio di bilancio nel sistema pensionistico ed è favorevole all'estensione dell'orario di lavoro. Difende la necessità di un'età fondamentale a 64 anni. Per Medef, il progetto di riforma costituisce un "buon equilibrio". Circa il suo approccio allo sciopero, Geoffroy Roux de Bézieux ha stimato lunedì 16 dicembre in una lettera aperta ai suoi membri che “è tempo di porre fine ai blocchi” e che “lo spirito di responsabilità di ciascuno deve prevalere per riprendere il dialogo e ripristinare la normale attività di questa settimana”.

CFDT

Il suo capo è Laurent Berger, segretario generale dal 2012. La sua posizione sulla riforma è stata a favore della pensione a punti dal 2010. Il cosiddetto sindacato “riformista” avrebbe potuto essere un alleato del governo ma la decisione di introdurre una misura dell'età, l'age pivot a 64 anni, ha spinto il CFDT a dare battaglia ed entrare nel campo degli scioperanti. “Per il CFDT, dobbiamo prima rinunciare a questa età di equilibrio, che è profondamente ingiusta, che chiederà molto rapidamente alle persone che hanno contribuito alla loro intera carriera a lavorare più a lungo, dal 2022", ha detto Laurent Berger Lunedì 16 dicembre su Franceinfo. Il leader sindacale è anche in attesa di discussioni sul “contenuto della riforma, in particolare in termini di difficoltà e pensionamento progressivo”. Rispetto al suo approccio allo sciopero va precisato che il CFDT era a favore di una tregua nei trasporti per Natale. “Il paese è sufficientemente energizzato, in grado di avere logiche di scontri, non dovrebbe essere aggiunto altro. Vorrei che i cittadini potessero andare dove vogliono per Natale e quindi penso che sia necessaria una tregua”, ha detto Laurent Berger.

CGT

Il suo capo è Philippe Martinez, segretario generale dal 2015. La sua posizione: il coordinamento centrale è stato contrario alla riforma sin dall'inizio, rifiutando qualsiasi schema di punti universale e qualsiasi abolizione di schemi speciali. La CGT ha da tempo proposto qualcos'altro “per migliorare l'attuale sistema, il migliore al mondo”: la pensione a 60 anni e tenendo conto dei dieci anni migliori. Questo progetto costerebbe “quasi 100-120 miliardi di euro in un decennio”, afferma Philippe Martinez. Il loro approccio allo sciopero: sono in mobilitazione dal 5 dicembre, la CGT ha un approccio più radicale al movimento: nessuna tregua natalizia, blocco delle raffinerie o interruzioni di corrente in alcune città. "Lo sciopero continua (...) Sono previste due azioni: scioperanti di Natale e manifestazioni il 28 dicembre", ha annunciato giovedì 19 dicembre Laurent Brun, segretario generale della CGT-Cheminots, la cui organizzazione rappresenta circa un terzo dei macchinisti.

UNSA

Il suo capo è Laurent Escure, segretario generale dal 2019. Classificato tra i sindacati "riformisti", l’Unsa, potente al RATP e alla SNCF, questa volta si oppone alla riforma. Come il CFDT, il sindacato non vuole riconoscere un'età fondamentale fissata a 64 anni. Ma non solo. “Manca di garanzie per i settori molto colpiti dalla riforma”, ha dichiarato Laurent Escure in Francia. Il suo approccio allo sciopero: mobilitato dal 5 dicembre, Unsa ha incolpato il governo per i disordini di Natale. "Nessuno vuole che il Natale sia disturbato: né gli scioperanti, né i dipendenti, né i francesi che vogliono avere un momento con la loro famiglia. Ma il governo è in gran parte responsabile", ha detto il numero uno Unsa, Laurent Escure. Giovedì 19 dicembre, quest'ultimo ha chiesto una "pausa" alla SNCF per le vacanze scolastiche. La compagnia ferroviaria Unsa rappresenta il 7,5% di conducenti e controllori.

Forces ouvrières

Il suo capo è Yves Veyrier, segretario generale dal 2018. FO rivendica il mantenimento dei 42 piani pensionistici e rifiuta qualsiasi riduzione dell'età pensionabile. !Il presidente deve mettere da parte la sua pessima idea, abbiamo un sistema che funziona!, afferma Yves Veyrier. Il suo approccio allo sciopero: venerdì 20 dicembre su France 2, Yves Veyrier è stato molto chiaro: "Non c'è pausa! Abbiamo chiamato subito per continuare a riunire dipendenti, assemblee generali e sostenere coloro che sono in sciopero".

La CFE-CGC

Il suo capo è François Hommeril, presidente dal 2016.Raramente dalla parte degli avversari, questa volta l'unione dei dirigenti si è completamente mobilitata contro la riforma. "Tutti perderanno", ha dichiarato François Hommeril. "Sono ancora stupito che ci aggrappiamo a una riforma (...) quando in verità tutti sono contrari (...) Questa riforma apre abissi di incertezza", ha detto a Franceinfo dopo l'inizio dello sciopero. Piccolo fan delle manifestazioni, il CFE-CGC si è unito all'unione guidata da CGT e FO dal 5 dicembre.

19/01/2020 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: quotedbusiness.com

Condividi

L'Autore

Giulia Giogli

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: