La variabile curda

Opportunità e rischi per la causa della Rojava tra autoritarismi e alleanza con gli Usa.


La variabile curda Credits: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a5/YPJ_sniper_Raqqa_%28November_2016%29.jpg

Mentre in Iraq, a Mosul, la bandiera nera dello Stato islamico giace sotto le rovine della moschea di Al Nuri, a Raqqa in Siria si combatte strada per strada per scacciare il Califfato dalla sua ultima capitale. In questo contesto, la questione curda riemerge con forza e assume il carattere di variabile centrale nelle dinamiche politiche del Medio Oriente. E così è perché i combattenti delle YPG (Unità di protezione del popolo) e delle YPJ (Unità di protezione delle Donne) che si battono a Raqqa sono costituite da curdi legati al PYD (Partito dell’Unione Democratica) insieme ai loro alleati arabi e di diverse minoranze etniche delle FDS, le Forze Democratiche Siriane.

Diciamolo sinceramente: la questione curda ora come ora getta in ambasce e in confusione la Sinistra internazionale, frammentandola ancor di più tra i tifosi acritici dell’autodeterminazione dei popoli (in primis quello curdo) e i nostalgici della tradizionale politica estera dell’Unione Sovietica (che andrebbero informati della sparizione dell’URSS avvenuta nel secolo scorso) con i suoi capisaldi intoccabili e “sacri”: la Damasco baatista degli Assad, l’Iran sciita e gli Hezbollah libanesi in qualche modo (controverso) eredi della Sinistra libanese. Sarebbe il caso, pertanto, di abbandonare le posture da sostenitori di una squadra piuttosto che di un’altra e sostituirla con l’analisi della situazione concreta.

Il fatto incontrovertibile è che la Sinistra curda (il PYD appunto, formazione vicina al PKK turco) è stata protagonista (e lo è tuttora) di uno straordinario processo di emancipazione popolare avvenuto nella regione settentrionale siriana della Rojava a partire dal 2011, nel contesto della guerra civile siriana. Ovvero, nell’ambito di un conflitto sanguinoso e settario che ha superato le 400mila vittime e che ha visto l’affermarsi della barbarie dell’Isis e più in generale dello jihadismo islamista, i curdi sono riusciti a mettere in piedi un esperimento di democrazia partecipativa ispirato a valori femministi, ecologisti e di redistribuzione sociale. Un esperimento che ha trovato il suo simbolo più evocativo nell’eroica resistenza della città di Kobane assediata dai tagliagole dello Stato islamico a partire dal 13 settembre 2014. Alcuni vi hanno visto l’avvento di un nuovo socialismo e ovviamente costoro si sono sbagliati: nelle premesse ideologiche del Confederalismo Democratico di Ocalan non sono rintracciabili immediatamente i caratteri di un sistema socialista e nelle stesse potenzialità economiche della Rojava non è pensabile una costruzione statuale (che infatti i curdi rifiutano) con caratteri socialisti. Tuttavia, la democrazia di base praticata al di là di criteri etnici e religiosi, la valorizzazione delle energie e delle risorse femminili, sono caratteri che dovrebbero avere un peso determinante nella valutazione politica della situazione da parte del movimento comunista internazionale.

Il problema è che il movimento di liberazione curdo sottoposto dapprima al tentativo di strangolamento dell’Isis e poi direttamente a quello da parte della Turchia di Erdogan con l’operazione militare “Scudo dell’Eufrate” dello scorso anno, si è sempre più avvicinato e appoggiato all’intervento militare statunitense. In effetti, la copertura aerea assicurata dagli Usa e la presenza di unità militari speciali dell’esercito americano sono probabilmente determinanti anche nella attuale battaglia per Raqqa.

Inoltre, l’atteggiamento del governo siriano di Assad nei confronti del movimento curdo è stato piuttosto altalenante nel corso degli anni di guerra civile. All’inizio è stata messa in atto dal governo siriano un’alleanza di fatto con le YPG-YPJ dinanzi all’aggressività dell’invasione terroristica e jihadista. Poi lo scorso anno è prevalsa la preoccupazione di Damasco dinanzi all’aumentato peso politico e militare dei curdi che ha portato al confronto militare di Hasaka e a un’accettazione dell’intervento militare turco successivo. È realistico pensare che Assad abbia avuto modo di pentirsi di quelle scelte: la Turchia del regime parafascista di Erdogan è ora stabilmente presente e in armi nel nord della Siria.

Anche l’Iran si è contraddistinto, non da ora, per un duro atteggiamento repressivo nei confronti delle aspirazioni dei curdi presenti sul proprio territorio e per un’accentuata avversione verso l’esistenza e il rafforzamento della Rivoluzione politica in Rojava.

Più realistica è sempre stata la politica curda della Russia. Putin sta tentando di svolgere un ruolo di mediazione tra gli altri attori (Damasco, i curdi, l’Iran, la Turchia e gli Stati Uniti) riconoscendo il peso e l’autorità del movimento della Rojava: il PYD non per niente ha aperto lo scorso anno un suo ufficio di rappresentanza a Mosca.

La chiave è proprio questa: se si vuole almeno limitare l’interventismo militare statunitense in Siria e l’aggressività del regime autoritario di Ankara, è necessario riconoscere l’esperimento politico della Rojava democratica e multietnica. I curdi siriani, da parte loro, devono essere coscienti (e certamente lo sono) del pericolo che corre la loro causa se esposta a una prolungata ed esclusiva alleanza con l’amministrazione Trump. L’esempio del governo regionale del Kurdistan iracheno è sotto gli occhi di tutti. L’alleanza con la maggiore potenza imperialistica risulta naturalmente vantaggiosa per un potentato locale a base familistico-feudale, molto meno se si ha l’ambizione di dare voce alle aspirazioni di libertà e di pace dei popoli della regione.

La Siria deve cambiare se vorrà risorgere dopo questa orribile guerra civile impostale dall’alleanza tra le forze più reazionarie della regione e gli imperialismi occidentali. Se la Siria cambierà, tutto il Medio Oriente avrà una possibilità in più per la pace e lo sviluppo dei popoli che vi vivono.

15/07/2017 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a5/YPJ_sniper_Raqqa_%28November_2016%29.jpg

Condividi

L'Autore

Stefano Paterna

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: