Vietnam e Kazakistan promuovono la cooperazione bilaterale

La visita del ministro degli Esteri kazako, Mukhtar Tileuberdi, in Vietnam ha rappresentato l’occasione per rinnovare la tradizionale amicizia che lega i due Paesi sin dai tempi dell’Unione Sovietica.


Vietnam e Kazakistan promuovono la cooperazione bilaterale Credits: kazpravda.kz

 

Il 17 e 18 agosto, Mukhtar Tileuberdi, ministro degli Esteri e vice primo ministro del Kazakistan, ha effettuato una visita ufficiale a Hà Nội per rafforzare i legami bilaterali tra il suo Paese e la Repubblica Socialista del Vietnam. La tradizionale amicizia tra le due repubbliche affonda del resto le proprie radici nell’epoca sovietica, mentre i due governi hanno stabilito relazioni diplomatiche ufficiali poco dopo l’indipendenza del Kazakistan, il 29 giugno 1992. La visita ha infatti avuto luogo nell’ambito delle celebrazioni per il trentennale delle relazioni diplomatiche bilaterali.

Nel corso del suo soggiorno vietnamita, Tileuberdi ha incontrato tutti i principali leader della politica vietnamita, compresi il primo ministro Phạm Minh Chính, il presidente Nguyễn Xuân Phúc e il ministro degli Esteri Bùi Thanh Sơn.

Dopo aver lodato i passi in avanti fatti per lo sviluppo delle relazioni politiche e diplomatiche bilaterali negli ultimi tre decenni, il primo ministro Chính ha affermato che le due parti promuovono ulteriormente lo scambio di delegazioni a tutti i livelli e si sostengono a vicenda nei forum multilaterali e nelle organizzazioni internazionali, in particolare le Nazioni Unite e la Conferenza sulle misure di interazione e rafforzamento della fiducia in Asia (CICA).

Il capo del governo vietnamita ha inoltre espresso il suo compiacimento per i progressi positivi nella collaborazione economica e commerciale bilaterale, soprattutto dopo che un accordo di libero scambio tra il Vietnam e l'Unione Economica Eurasiatica (EAEU), della quale il Kazakistan è uno dei membri più importanti, è entrato in vigore nel 2016. Nel 2021, il valore complessivo del commercio bilaterale ha superato i 630 milioni di dollari, triplicando la cifra registrata prima dell'entrata in vigore del patto, e facendo registrare un aumento dell’11,6% rispetto al 2020. I principali prodotti di esportazione dal Kazakistan al Vietnam sono piombo e prodotti derivati, ferro e acciaio. Il Vietnam esporta invece telefoni, apparecchiature per ufficio, abbigliamento e scarpe nel mercato kazako.

Il leader del governo ha proposto al Kazakistan di creare condizioni favorevoli affinché i prodotti di esportazione del Vietnam, come prodotti agricoli, frutti di mare, abbigliamento e prodotti in legno, si avvicinino al mercato di quel Paese. “Occorre inoltre promuovere il ruolo del Comitato intergovernativo Vietnam - Kazakistan per la cooperazione economico-commerciale e scientifico-tecnologica; firmare un accordo sull'esenzione dal visto per i propri cittadini; e coordinarsi per lanciare rotte ferroviarie e di volo diretto tra i Paesi”, ha affermato il primo ministro.

Dal canto suo, il ministro Tileuberdi ha affermato che il Kazakistan vuole rafforzare l'amicizia e la cooperazione con il Vietnam, in particolare nell'economia, nel commercio e negli investimenti”. Rimane ampio spazio per la partnership in settori come l'agricoltura, il turismo, i trasporti, la finanza e l'energia pulita”, ha osservato il rappresentante del governo kazako.

Il Vietnam attribuisce sempre importanza alla buona tradizione con il Kazakistan”, ha affermato il presidente Nguyễn Xuân Phúc, in occasione del suo incontro con Tileuberdi. Il capo dello Stato ha inoltre espresso il suo compiacimento per gli sviluppi positivi dei legami politici bilaterali, con lo scambio regolare di delegazioni a tutti i livelli attraverso i canali del Partito, dell'Assemblea Nazionale e dello Stato. “Il Vietnam e il Kazakistan hanno ancora ampio spazio per rafforzare la loro cooperazione economica e dovrebbero ottimizzare l'accordo di libero scambio tra Vietnam e Unione Economica Eurasiatica”, ha aggiunto.

“Il Vietnam è un partner importante del Kazakistan nell'Asia-Pacifico”, ha risposto il ministro kazako, sottolineando che il Kazakistan desidera rafforzare la cooperazione con la nazione del sud-est asiatico in ambiti come quello economico-commerciale, gli investimenti, la finanza, l’istruzione e la formazione, il turismo e la cultura, i trasporti, l’energia pulita e l’alta tecnologia.

Commentando la visita del ministro Tileuberdi, Yerlan Baizhanov, ambasciatore del Kazakistan in Vietnam, ha affermato che le relazioni bilaterali tra i due Paesi erano rimaste ad uno stato embrionale fino al 2012, ma queste hanno ricevuto una forte spinta in avanti negli ultimi dieci anni: “Da allora, il Kazakistan e il Vietnam hanno fatto molta strada. I due Paesi mantengono dialoghi politici regolari a tutti i livelli, rafforzano gli scambi nei forum bilaterali e multilaterali e contribuiscono al consolidamento della pace e della sicurezza globali”, ha detto.

Per quanto riguarda l'economia, Yerlan Baizhanov ha affermato che dall'instaurazione di relazioni di cooperazione, Kazakistan e Vietnam hanno avuto attività commerciali e di scambio. Tuttavia, questo processo ha acquisito particolare slancio dopo l'entrata in vigore dell'accordo di libero scambio tra l'Unione Economica Eurasiatica e il Vietnam nell'ottobre 2016: "Questo accordo ha creato le migliori condizioni per promuovere lo sviluppo economico e commerciale tra i due Paesi. In pochi anni, il fatturato commerciale bilaterale tra i due Paesi ha registrato una crescita piuttosto positiva", ha affermato l'ambasciatore.

Yerlan Baizhanov ha anche aggiunto che a settembre un rappresentante vietnamita parteciperà alla conferenza dei leader mondiali e delle religioni tradizionali che si terrà nella capitale del Kazakistan. La conferenza sarà anche un luogo in cui le parti condivideranno le loro esperienze sulla cooperazione religiosa e sottolineeranno l'apertura, la comprensione reciproca e gli sforzi congiunti tra le religioni per mantenere la pace e la stabilità nel mondo.

In quanto Paese situato al centro del continente eurasiatico, che collega l'Asia all'Europa, il Kazakistan può sfruttare il suo potenziale logistico per rafforzare la cooperazione commerciale con il Vietnam. Più specificamente, secondo Yerlan Baizhanov, il corridoio di trasporto Vietnam - Cina - Kazakistan - Europa è una buona alternativa al trasporto marittimo, consentendo il trasporto di merci dal Vietnam e da altri paesi dell'Asia sud-orientale verso l'Europa in un tempo relativamente breve.

27/08/2022 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: kazpravda.kz

Condividi

L'Autore

Giulio Chinappi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: