Vittoria popolare a Notre Dame des Landes - Stop al bastone Macron #NDDL

A Notre Dame des Landes, la mobilitazione popolare ha vinto.


Vittoria popolare a Notre Dame des Landes - Stop al bastone Macron #NDDL Credits: https://www.initiative-communiste.fr/articles/prcf/victoire-populaire-a-dame-landes-halte-a-macron-matraque-nddl/

Notre Dame des Landes, 17 gennaio 2018 - L'abbandono del progetto di costruzione da parte di una costosa partnership pubblica privata dell'aeroporto di Notre Dame des Landes è un successo da imputare alle risorse di una mobilitazione molto ampia, diversificata e di lungo periodo contro questa opera assurda e distruttiva.

Appena il Primo Ministro ha annunciato l'abbandono dell'assurdo progetto dell'aeroporto di NDL, migliaia di gendarmi e CRS convergono all'NDL ZAD con l'obiettivo dichiarato di evacuarlo con la forza. Macron vuole dimostrare ai suoi concorrenti cloni della destra conservatrice del tipo Retailleau, come a quelli dell'estrema destra e ai grandi costruttori capitalisti, che lo stato poliziesco sa come schiacciare la protesta popolare... anche se è stato alla fine pietosamente obbligato a cedere alla sua volontà!

In questo modo, il capo dello stato invia un nuovo messaggio alla classe dominante: i "fannulloni", "estremisti", "nullatenenti", "cinici” e altri "gelosi", in breve, la sinistra popolare e radicale, dovranno nascondersi… O accontentarsi d’ora in poi dell’azione dei sindacati che hanno appena abbandonato la mobilitazione contro le riforme anti-sociali. In breve, l'affascinante obiettivo di Macron è mostrare alla sua classe, la grande borghesia, che può spazzare senza esitazione qualsiasi opposizione in ogni luogo di lavoro, senza curarsi del rischio di gravi lesioni o peggio, sulle persone evacuate (ricordate come è stato sparato il giovane Rémi Fraisse!).

Non lasciamo che lo Stato del Capitale faccia a pezzi i giovani attivisti che hanno appena dimostrato alla nostra gente che le persone decisive possono prevalere sullo stato dei monopoli capitalisti. Qualsiasi sia l’opinione sui metodi o le opinioni di questo o quel gruppo che occupano NDL, la loro schiacciatura a nostro nome da parte della "polizia repubblicana" sarebbe un nuovo segnale di fascistizzazione rivolto a tutti i militanti progressisti di questo paese. E questo in un'Unione europea che condona l'estrema destra mentre criminalizza tutti coloro che contestano la dittatura del profitto totale, dall'eco-eco di Nantes ai partiti comunisti banditi nell'Europa orientale (Polonia, paesi baltici, Ucraina, ecc.), passando per le centinaia di lavoratori repressi a causa della loro azione sindacale (Ford, SNCF, Toyota...).

Per quanto riguarda il sacrosanto rispetto dello "stato di diritto" che Macron e la stampa allineata stanno godendo, che il capo dello stato cominci rispettando se stesso, che metta in pratica il NO francese alla Costituzione europea, e quindi anche alla bandiera europea ufficializzata da Macron, che rispetti l'articolo II della Costituzione ("Il francese è la lingua della Repubblica", principio insultato da un presidente che organizza a Parigi il suo "One planet's Summit"), e la separazione dello Stato e delle Chiese ("la Repubblica non riconosce o paga alcuna adorazione", legge del 1905 con carattere costituzionale, disprezzata quando Macron riceve i gerarchi religiosi e attacca il cosiddetto "secolarismo radicalizzato"), ecc. ..

È anche fuori discussione che la multinazionale Vinci che intendeva realizzare enormi profitti con questo grande progetto privatistico oltraggiosi quanto inutile ne faccia ancor di più ricevendo qualche forma di risarcimento. E 'scioccante sentire le vituperazioni di guerra del governo contro gli agricoltori che hanno contribuito a mantenere la vocazione agricola e naturale di questo territorio, occupando lo ZAD e difendendo così l'interesse generale, mentre il silenzio del governo su un problema che avrebbe potuto costare centinaia di milioni di euro ai francesi, è stato totale.

27/01/2018 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: https://www.initiative-communiste.fr/articles/prcf/victoire-populaire-a-dame-landes-halte-a-macron-matraque-nddl/

Condividi

Tags:

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: