Gli affari del cerchio magico fiorentino

Un film tragico, dalla sceneggiatura complicata, con tanti personaggi oscuri.


Gli affari del cerchio magico fiorentino

FIRENZE. Soggetto protagonista dell’inchiesta è il “giglio magico” che attornia l’ex presidente del consiglio ed ex segretario del PD, il senatore Matteo Renzi. Un film che prima della parola “fine” presenta la frase “i fatti e le persone citate sono reali”. Negli ultimi tempi si è letto del coinvolgimento di parenti stretti del senatore Renzi in procedimenti giudiziari, affari di banche e finanza tanto care all’ex presidente del consiglio. Dopo la tragedia del viadotto Morandi che ha interessato la città di Genova e società legate alla famiglia Benetton, si è letto di rapporti finanziari dell’entourage trevigiano con il PD e il suo ex segretario.

La nostra inchiesta, il nostro film d’inchiesta, ha i seguenti protagonisti: il management di “Atlantia”, società della famiglia Benetton, presieduta dal fiorentino Fabio Cerchiai, che è anche presidente della società “Autostrade per l’Italia”, di “UnipolSAI” – con amministratore delegato Giovanni Castellucci – che è anche componente della società “Aeroporti di Roma”. Poi c’è la liquidata “Fondazione Open” – che si può scrivere essere stata di Matteo Renzi, con presidente Alberto Bianchi, segretaria generale Maria Elena Boschi, consiglieri Luca Lotti e Marco Carrai. Grande sostenitore e finanziatore è Davide Serra del Fondo Algebris, uno che il capitalismo lo esercita costantemente. Poi, altro protagonista, “Veneto Banca” che tra i primi 100 azionisti aveva “Assicurazioni Generali” – dove ritroviamo nel board Fabio Cerchiai – e “Banca Etruria” – laddove erano coinvolte Maria Elena Boschi e la sua famiglia.

Nell’inchiesta non può mancare l’iniziativa alla stazione “Leopolda” nel cui sito campeggiano gli elenchi dei finanziatori delle edizioni precedenti: scorrendoli si distinguono i sostanziosi versamenti di Davide Serra del Fondo Algebris che tempo fa realizzò un’analisi di Assicurazioni Generali e di “Edizioni” della famiglia Benetton. Serra ha avuto rapporti con Banca Etruria e anche con Monte dei Paschi di Siena. In una sua analisi evidenziò Fabio Cerchiai per la presidenza di MPS, sostenendo l’aumento di capitale di 5 mld di euro e la conversione di 2 mld di derivati. Davide Serra, enorme sostenitore dell’amico Renzi, ebbe anche una “conversione” quando appoggiò Mario Monti e Corrado Passera, proprio quando firmò un esposto contro la società “Ragione” di Gilberto Benetton per la ristrutturazione di “Assicurazioni Generali” e “Mediobanca” (dove fu coinvolto Fabio Cerchiai).

In definitiva: leggendo le carte delle inchieste in cui sono coinvolti personaggi del “giglio magico fiorentino” qualche risposta agli interrogativi che in tanti si pongono la si può trovare. Oggi non è possibile dire che i capitalisti trevigiani Benetton abbiano finanziato il PD o il suo ex segretario, ma il vortice in cui sono coinvolti capitalisti componenti di consigli di amministrazione e fondi finanziari ci fa conoscere qualche rapporto con i capitalisti del cerchio magico fiorentino. Ricordiamo cosa scrisse Marx a proposito del potere politico moderno definito “comitato che amministra gli affari comuni dell’intera classe borghese”. La lotta di classe non può distinguere tra buoni e cattivi capitalisti, sappiamo bene dove catalogare i banchieri fiorentini e aretini. E se il capitalismo, come disse Ernesto Che Guevara, è “libera volpe in libero pollaio”, la nostra inchiesta, il nostro film, può distinguere i buoni dai cattivi perché la storia di ogni società è “storia di lotte di classe” come ha insegnato Marx.

RETTIFICA
Nell'articolo è stato inserito per errore un passaggio in cui si citava il Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute, con la festa per i 40 anni del Servizio Sanitario Nazionale di cui si occupa la Fondazione GMBE, avente partner “AboutPharma”, “Pazienti”, “Media for Health” e la segreteria organizzativa curata da “Koncept srl”, il direttore del forum Giuseppe Orzati, la responsabile della comunicazione Monica Milani e l’amministrazione affidata a Simona Nencini. Questo evento che si terrà dal 10 al 12 ottobre non ha niente a che fare con l’edizione della Leopolda renziana che si terrà successivamente, dal 19 al 21 dello stesso mese e non si occuperà di salute né di ricordare i 40 anni del Servizio Sanitario Nazionale. Ringraziamo la Koncept Srl per la segnalazione e ci scusiamo per l'errore.

25/08/2018 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Guido Capizzi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: