I ballottaggi nelle città del nord

La sorpresa M5S a Torino, la sconfitta della Lega, il partito dell’astensione.


I ballottaggi nelle città del nord

A Torino e Varese inversione rispetto al primo turno; a Milano e Novara vincono i preferiti del primo turno. Cresce il partito dei “disertori” e l’arroganza di Renzi. A sinistra qualcosa si muove.

di Guido Capizzi

Erano state le mete al primo turno delle elezioni amministrative 2016, due città lombarde (Milano e Varese) e due città piemontesi (Torino e Novara). Sono state le mete per seguire il ballottaggio. A Milano – al primo turno votò il 55% degli aventi diritto, al ballottaggio ha votato il 52% - il candidato di centro sinistra Sala ha superato di 3 punti percentuali il candidato di centro destra Parisi ed è il nuovo sindaco: continuità con il precedente sindaco Pisapia ? Risposta che sapremo, forse, esprimere al termine del mandato di Sala.

A Varese, la “patria” della Lega Nord, gli sconfitti sono Salvini e Maroni: il loro candidato Orrigoni che partiva con il 47 % di preferenze ha ottenuto al ballottaggio (dove ha votato il 7% in meno degli aventi diritto rispetto al primo turno) il 48%, mentre il candidato di centro sinistra Galimberti – che era secondo con cinque punti in meno – ha ottenuto il 52% dei voti ed è il nuovo sindaco.

Passando dalla Lombardia al Piemonte, transitando prima a Novara – dove ha votato l’8% in meno degli aventi diritto – il candidato di Lega e Fratelli d’Italia Canelli ha preceduto il candidato di centro sinistra Ballaré di 15 punti, mentre al primo turno era di quattro punti.

Arrivando a Torino, ecco la città della sorpresa inaspettata: al ballottaggio si sono presentati il candidato di bandiera PD Fassino che al primo turno aveva 11 punti in più della candidata del Movimento Cinque Stelle Appendino. Il ribaltone: Appendino quasi 55% e Fassino dieci punti in meno. Così Torino, come Roma, sarà guidata da una donna, da una donna M5S.

Analisi e dibattiti, iniziati appena chiuse le urne domenica 19 giugno, continuano: anche perché la valenza politica del voto amministrativo questa volta è stata più alta del solito.

Checché ne dica in ogni occasione, con la sua solita arroganza, il Presidente del Consiglio Renzi, sconfitto a questo “giro” elettorale in modo pesante. Arroganza del PD che è un modo d’essere all’interno del partito, ovunque ci si trovi, atteggiamento in particolare dei renziani. Ascoltare la ministro Boschi o la onnipresente Serracchiani conferma che la sconfitta del PD dovrebbe essere imputata, dai loro stessi dirigenti, alla pervicacia della loro arroganza.

A proposito, parentesi: in Friuli Venezia Giulia dove governa la Serracchiani, il PD e le liste collegate, sono uscite sconfitte dal centro destra sia a Trieste dove Cosolini ha avuto 5 punti in meno del vincitore Di Piazza sia a Pordenone dove Ciriani del centro destra a sconfitto la Giust di 18 punti.

Dai dati relativi ai ballottaggi è evidente che il “partito dei disertori” continua a crescere, ormai un italiano su due degli aventi diritto-dovere a recarsi alle urne non ci va. Qui una seria riflessione, anzi un’autocritica deve essere fatta a sinistra: i deludenti risultati anche a queste elezioni amministrative ci fa ricordare di trovarci al primo piano dell’edificio intenti a ballare mentre il piano terreno sta bruciando. Qualcuno si chiede quanti nel 50% dei “disertori” si aspetta il ritorno della bandiera rossa con falce e martello?

22/06/2016 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Guido Capizzi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: