Per non morire in mare

Le nuove rotte dei migranti verso Calabria e Puglia. I prossimi sbarchi continueranno a riguardare in gran parte cittadini in fuga dalla guerra civile siriana. Chi arriva in Italia non vuole restare, ma punta a Paesi più ricchi.


Per non morire in mare

 

Le nuove rotte dei migranti verso Calabria e Puglia. I prossimi sbarchi continueranno a riguardare in gran parte cittadini in fuga dalla guerra civile siriana. Chi arriva in Italia non vuole restare, ma punta a Paesi più ricchi.

di Luigi Mazza

Risale alla notte tra il 2 e il 3 gennaio scorsi l'ultimo sbarco di migranti sulle coste italiane: dal mercantile Ezadeen, battente bandiera della Sierra Leone, sono scesi nel porto di Corigliano Calabro (Cs) 450 persone di nazionalità siriana. Tra questi 42 donne e 46 minori,  di cui 8 non accompagnati e per questo affidati al sindaco del comune calabrese. Lo sbarco -  precisa la Guardia Costiera - è simile agli altri 14 avvenuti nei mesi precedenti, tra cui quelli della nave Carolyne Assense, che ha attraccato al porto di Augusta il 22 dicembre con 850 migranti a bordo, e della Blue Sky che invece è approdata a Gallipoli con 970 a bordo.

In tutti questi casi si tratta di navi di grandi dimensioni, dismesse da almeno due anni e dunque depennate dai registri navali, che salpano dal Sud della Turchia, attraversano l'Egeo, fanno tappa in Grecia e, una volta in acque italiane sar (search and rescue), lanciano l'allarme e vengono raggiunte dai soccorritori quando sono “fuori controllo”, ovvero senza personale alla plancia di comando, e senza carburante. Se il personale abbia abbandonato la nave dopo aver rivolto la prua verso le coste  italiane, o se vada a confondersi con il resto dell'equipaggio è da chiarire.

Le rotte e le imbarcazioni utilizzate ricordano gli sbarchi del 1997 a Bari (1200 albanesi) o del 2000 a Otranto (1200 kurdi); si tratta di navi acquistate per 100-150mila euro, che possono fruttare alle organizzazioni criminali cifre anche milionarie:  i quasi mille migranti della Blue Sky sono arrivati a pagare anche seimila seimila euro per salire a bordo. 

Le avverse condizioni del mare nei mesi invernali rendono difficilissimo avventurarsi con i tradizionali barconi, specialmente dopo che è stata archiviata la missione Mare Nostrum che, spingendosi fino alle coste libiche per prestare soccorso, era riuscita a salvare 150mila persone in un anno.

Dal 1 novembre Mare Nostrum è sostituita da Triton, coordinata da Frontex, che prevede il solo pattugliamento dei confini marittimi dell'UE e non spinge i propri mezzi oltre le 30 miglia. Quest'ultimo aspetto, insieme al caos che regna in Libia, spiega il motivo delle rotte verso Calabria e Puglia: navigare in quel tratto di mare significa percorrere un corridoio protetto, in cui le aree sar di Grecia e Italia si sovrappongono e le operazioni di soccorso dovrebbero essere garantite. Navigare in quel tratto di mare alza dunque le possibilità di arrivare a terra vivi.

Come è successo nel caso della Ezadeen che, lanciato l'allarme, è stata governata dai militari della Guardia Costiera calati a bordo da un elicottero, e rimorchiata dalla nave islandese Tyr (in dotazione a Frontex) fino al porto di Corigliano. Operazione simile era stata compiuta per la Blue Sky a Gallipoli. Come ha spiegato su “il Manifesto” del 5 gennaio scorso Filippo Miraglia, vicepresidente dell'Arci, “gli strumenti per aggirare la legge e le frontiere chiuse, da parte di chi lucra sulla pelle dei migranti, vengono adeguati, ancor prima che i governi si mettano in moto, alle nuove decisioni dell’UE”.

I prossimi sbarchi continueranno a riguardare in gran parte cittadini in fuga dalla guerra civile siriana, che possono sostenere il costo di questi viaggi. Restano, invece, preclusi a chi non può permettersi di raggiungere la Grecia e dovrà, quindi, continuare giocarsi la carta del futuro partendo dalla Libia, o attraversando il Marocco e l'Algeria fino a Ceuta. In ogni caso mai “legalmente” e in modo sicuro, e sempre rivolgendosi ad organizzazioni criminali nell'assoluta indifferenza dei governi europei.

Al nostro Paese, che a colpi di sondaggi e campagne stampa ha appena finito di ripulire un razzista -  quale è Salvini - per incoronarlo nuovo leader del centrodestra, è bene ricordare i numeri dell'“invasione”: dei quasi 4 milioni di cittadini in fuga dalla Siria il 95% è ospitato da Iraq, Libano, Egitto e Turchia, e solo il restante 5% si avvicina alle porte dell'Europa.

Gli stranieri nel nostro Paese sono 5,5 milioni (8% della popolazione) e gli “irregolari” sono appena 300mila, chi arriva in Italia non vuole restare, ma punta a Paesi più ricchi quali Regno Unito, Germania e Francia.

Gli stranieri ci “costano” il 3% di spesa sociale ma incrementano il Pil di oltre il 10%.

Dopo l'attentato alla redazione di Charlie Hebdo, che è costata la vita a 12 persone tra cui 8 giornalisti, dire e scrivere queste cose sarà difficile, ma ancor più necessario.

09/01/2015 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

Tags:

L'Autore

Luigi Mazza

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: