Bosnia ed Erzegovina


Le divisioni etniche nella Bosnia Erzegovina, con la divisione a livello statale tra la Federazione di Bosnia ed Erzegovina e la Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina influenzano pesantemente tutte le aree politiche. L’area socialdemocratica è divisa tra il Partito Social Democratico, successore diretto della Lega dei Comunisti e principalmente attivo nella Federazione, e l’Alleanza dei Socialdemocratici Indipendenti, attiva nella Repubblica. Il Partito Social Democratico è membro associato del Partito del Socialismo Europeo mentre l’Alleanza è stata espulsa nel 2012 dall’Internazionale Socialista per aver espresso una linea “nazionalista ed estremista”.

Dal 2000 è attivo il Partito Comunista Operaio di Bosnia ed Erzegovina che difende il sistema dell’autogestione operaia sperimentato nella Federazione Jugoslava e considera tra i suoi principali ispiratori Antonio Gramsci e Rosa Luxemburg. Il Partito Comunista Operaio detiene un seggio nella Camera dei Rappresentanti della Federazione ed ha una discreta presenza nelle municipalità.

 

<< TORNA ALLA MAPPA

17/04/2015 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: