Croazia


Anche in Croazia i maggiori successori della Lega dei Comunisti hanno scelto di riorganizzarsi nel Partito Socialdemocratico di Croazia, membro a pieno titolo del Partito del Socialismo Europeo. Tra gli anni ’90 e gli anni ’00 la sinistra radicale croata ha provato a riorganizzarsi in varie forme, tra cui il Partito Socialista dei Lavoratori e alleanze eterogenee di comunisti, ecologisti e socialdemocratici come Sinistra Unita, Coalizione di Sinistra e Sinistra Croata. Nessuno di questi tentativi è però riuscito a sedimentare in un’organizzazione strutturata e duratura, anche a causa delle frammentazioni comunitarie che attraversano tutta la politica croata.

Per le elezioni parlamentari del 2011, il leader sindacale ha operato una scissione del Partito Popolare Croato – Liberal Democratici, fondando il nuovo partito Laburisti Croati – Partito del Lavoro su un programma basato sulla partecipazione democratica, sull’opposizione alle privatizzazioni e sulla lotta alla corruzione.

Alle elezioni parlamentari del 2011 i Laburisti hanno ottenuto sei seggi su 151 col 5,1% dei voti. Sono in questo momento all’opposizione del governo di centrosinistra.

Le prime elezioni europee dopo l’ingresso della Croazia nell’Unione, svolte nell’aprile 2013, hanno portato i laburisti a eleggere un eurodeputato sui dodici spettanti alla Croazia col 5,77%. L’eurodeputato ha aderito al gruppo del GUE/NGL. Appena un anno dopo, alle elezioni europee del maggio 2014, i laburisti sono scesi al 3,4% perdendo il loro unico seggio. Il simbolo dei Laburisti è il nome del partito in caratteri blu e bianchi su campi bianchi e arancione.

 

<< TORNA ALLA MAPPA

17/04/2015 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: