Il Forlanini non si (s)vende

Il 1 aprile sono scesi in piazza oltre 40 tra associazioni e comitati, alcuni sindacati, movimenti di lotta romani e cittadini sparsi.


Perché si sono messi insieme oltre 40 tra associazioni e comitati, alcuni sindacati, movimenti di lotta romani e cittadini sparsi per difendere il Forlanini? Perché questo meraviglioso complesso monumentale e il suo parco, nato come eccellenza sanitaria negli anni Trenta del Novecento, rischia di diventare l'ennesimo esempio di svendita del patrimonio pubblico. Dismesso lentamente come ospedale pubblico e come sede delle facoltà sanitarie, sono vari anni che è stato lasciato al più totale abbandono. Le proposte del Coordinamento Forlanini bene comune - che prevedono l'uso socio-sanitario pubblico dell'intero complesso monumentale - hanno convinto sempre più interlocutori, che il 1 aprile sono scesi in piazza per denunciare quanto la giunta Zingaretti sta portando avanti: vendita dell'intera area e un utilizzo non più sanitario, né tanto meno sociale. E intanto chiudono anche alcuni reparti del vicino San Camillo...

08/04/2017 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Angelo Caputo

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: