Sit-In contro l’aggressione imperialista alla Siria

Video del sit-in a Roma del 12 aprile 2017 contro la guerra imperialista.


Il 12 aprile 2017 dalle ore 17:30 in piazza Barberini si è tenuto un sit-in per gridare un secco No alla guerra alla Siria. Erano presenti solo un centinaio di persone, riunite all’interno del marciapiede centrale della piazza, tanto che il traffico scorreva tranquillamente, plastico esempio dell'attuale situazione: la tragedia dell’indifferenza. I lavoratori e, più in generale, la popolazione non considerano la guerra in atto e alle porte come un proprio problema. Il grande striscione nella piazza con la scritta: No UE, No Nato, No Euro indica il percorso che ha portato a questa necessaria iniziativa del sit-in: la manifestazione Euro Stop del 25 Marzo, che ha avuto il merito di mantenere viva la voce antimperialista di fronte all’ambasciata dello Stato indicato come il principale nemico e aggressore. Solo un centinaio di compagni, la cui voce era però forte e chiara nel dichiararsi contro gli USA e a fianco del popolo siriano. Una voce per ora piccola, ma che deve crescere e impedire che il traffico scorra serenamente come niente fosse, affinché dalla tragica indifferenza si arrivi alla rabbiosa consapevolezza che è necessario reagire ai crimini dell’imperialismo, l’unico e vero nemico del popolo.

15/04/2017 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Angelo Caputo

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: