Videolezione: Le illusioni del postmodernismo IV

Quarta lezione del corso sul postmodernismo tenuto dalla prof. Alessandra Ciattini presso l’Università Popolare Antonio Gramsci


Come nota sempre Callinicos, il cui libro significativamente non è stato tradotto in italiano, la questione della novità del postmodernismo si ripresenta anche dal punto di vista culturale. Anche in questo ambito c’è qualcosa di veramente nuovo?

Naturalmente i postmoderni fanno risalire il modernismo alla rivoluzione filosofica e scientifica del XVI secolo, ma evitiamo di ritornare tanto indietro e prendiamo in considerazione solo quei movimenti culturali che si sviluppano in una fase più vicina alla nostra.

Nei vari ambiti culturali, questi ultimi sono il simbolismo, l’espressionismo, il cubismo, il futurismo o il costruttivismo, il surrealismo, l’interesse per l’arte primitiva intesa come produzione primigenia che apre ad un anticapitalismo romantico vigoroso ancora oggi. Se si analizzano i temi principali di questi movimenti culturali, ritroviamo gli stessi temi agitati dai postmodernisti contro la razionalità occidentale, identificata con la razionalità strumentale (scegliere i fini migliori per raggiungere un fine senza pronunciarsi su di esso che resta pura opzione individuale), contro il soggetto monolitico, contro l’ipocrita umanesimo non applicato agli “altri” [1], contro la convinzione di cogliere la verità oggettiva (lo scientismo), contro il suprematismo occidentale, contro la pretesa di elaborare visioni complessive, sistematiche, finalistiche della storia, contro la pretesa di conoscere nella sua essenza un mondo sfuggente e cangiante.

Continua su: “Le illusioni del postmodernismo - quarta parte

17/08/2019 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Alessandra Ciattini

Alessandra Ciattini insegna Antropologia culturale alla Sapienza. Ha studiato la riflessione sulla religione e ha fatto ricerca sul campo in America Latina. Ha pubblicato vari libri e articoli e fa parte dell’Associazione nazionale docenti universitari sostenitrice del ruolo pubblico e democratico dell’università.

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: