israele l’innocenza rifiutata

Il 19 luglio 2018 il Parlamento Israeliano ha approvato a maggioranza la legge sullo “Stato-Nazione” che ha fatto di Israele, contro il diritto internazionale, uno “Stato Etico” e ha sancito la natura d’Israele come “Stato Ebraico” cioè Nazione per soli Ebrei (gli altri abitanti non ebrei che vivono in Israele – cristiani, mussulmani, atei, drusi e beduini ecc. – sono così diventati cittadini di serie B con diritti ridotti).


israele l’innocenza rifiutata

19 luglio 2018  il parlamento d’israele…

siamo venuti su insieme

tutto il dopoguerra

sua la ragione dei giusti

mia sopra tutto la fratellanza 

sua l’innocenza dell’olocausto

la deportazione la separazione l’umiliazione il dolore la morte

mia la voce forte a sostegno

per il diritto a una patria

un debito sentito

un dovere giusto

ma tenere la parte a volte è stato difficile

per il diritto di altri calpestato 

s’è acceso dentro me il dibattito

della parte sempre meno convinto

resistere è stato sempre più faticoso

è cresciuta soffocante un’aura d’ingiusto

ora no

israele si è isolato

ha alzato un muro contro l’innocenza

la sua innocenza

l’ha sprezzata

non è più sua la ragione dei giusti

non è più mia sopra tutto la fratellanza

(Castelvetro di Modena  5 agosto 2018)

26/08/2021 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: