Sonetti “alla Belli” contro Trump e altro

Quattro sonetti su Trump e uno sul recente episodio di Follonica contro due nomadi per ridere amaramente su questo mondo cha va a rotoli.


Sonetti “alla Belli” contro Trump e altro Credits: commons.m.wikimedia.org

Er palazzinaro ospitale

Sto Trampe, c’è dda dì, è un ber figuro:
manco un mese che stà in Casa Bianca
e batte la grancassa a dritta e a manca:
- Er popolo debbe da stà ar sicuro!

Ar migrante la porta ’un se spalanca,
quinni ar più presto innarzerò un muro
e l’USA nun sarà più zzona franca,
er nostro celo sprennerà d’azzùro!

Der musurmano già nu’ mme ne curo
siconno quer mio gran solenne impegno
e, p’er fatto che io nun sò spergiuro,

nun metterà più piede ner mi’ regno:
lo lasso a la frontiera a culo ignudo
e quer barbòne nero je lo sfregno! –

21 Febbraio 2017 ( Eudaimon )




L’entràta ne la Storia

Sbraitanno accosì come un buzzùro,
de degreti ne sfòrna ’na valanga;
a la stampa arisponne a grugno duro,
’chè la boria, grazziaddio, nun je manca.

Er poraccio pe lui nun cia' futuro:
è corpa tutta sua si nu’ lla sfanga,
si resta a becco asciutto, gnudo e crudo;
Tratanto a lui je cresce er grosso in banca.

In dela Storia vò lassacce er zegno:
- L’ America sarà, a partì dar Muro,
più forte ancora, grazzie ar mio disegno ! -

S’io fussi americano, ve lo ggiuro,
je darèbbe de core er mio sostegno:
- Caro Presidente, io te l’ugùro

d’avè eterna grolia, te stimo degno
der ricordo nel tempo duraturo
pe quela bocca tua a bbucio de culo! -

21 Febbraio 2017 ( Eudaimon )



Er trippe de Trampe

Jeri Trampe vorze corpì ner zegno,
lancianno a la cèca sto siluro:
- Io nun vojo tenèvve a lo scuro
de lo schioppo in Svezia d’un ordegno:

er motivo der botto, v’assicuro,
è la libbera entrata, e io m’impegno
a scongiurà sti scempi ner futuro! -
Un ’minente svedese fin d’ingegno

lo sputtanò, piànnolo p’er culo:
- Tutte balle! Er tuo è un marghingegno
pe cojonà la ggente cor tuo muro.

Si eri fumè e hai perzo ogni ritegno,
te dò un consijjo, a modo de ’Picuro:
- Pe accomodà la testa tua de legno,

gnente più strisce, e pìate er bromuro! -

23 Febbraio 2017 ( Eudaimon )




Lezzione sur potere

Llo vedi Dollar Trampe in Zala Ovale
cor su’ tuppè de pajja scompijjato,
mentre firma e condanna l’immigrato?
Derèto a lui, in piede, c’è un tale,

un pupazzo paìno tutto attillato,
che je regge la penna criminale;
la moje coi pennenti a l’artro lato
se dà l’arie de donna assai fatale

ma assomijja a Barbi tal’e quale
co la bocca atteggiata ar risarello!
Ma è facciata, è scena treatale:
in fonno Trampe è solo un giocarello

ne le mano de Monzù er Capitale,
che lo fà litigà co questo e quello
e, tratànto, arinfòrza l’arzenale.

Però nun t’abbacchià, fijo mio bello;
si parlo accosì è pe t’avvisàne
ch’er potere è un losco macchiavello,

prima t’allìscia e poi mostra er stivale.
Si poi s’affìssa a ffà er Gran Fratello,
scommunicanno Tti-Vvù e giornale,

facile che vàdi tutto a puttane,
che mànni, magàra senza sapello,
er monno criàto intero ar gran macello!

23 Febbraio 2017 ( Eudaimon )




Er commune senzo der pudore
( oppuro: A un passo dar precipizzio! )

- Denunciati!? ... ma nun ce se pò crède! ...
E l’arpie?... Manco ’a murta a ste cornùte!? -
- C’è su la rete quer che stà a succède…
ècchile qua … l’immaggini cazzùte!

Drèto a quele sbare, ce lo pòi vède,
sò rinchiuse du’ zinghere pizzùte,
che strìlleno come aquile fottute.
Mo t’aricconto er fatto come andiède:

ste du’ cornacchie èreno annate
a smucinà in mezzo a li rifiuti,
ner locale ’ndò vèngheno ammassate

cibbàrie e prodotti ormai scaduti;
ma in fragranza furno pizzicate
da du’ indipendenti ciaccaruti,

che, in difesa der bene der privato,
je dièdeno la gogna e, lì inzerràte,
le mannòrno in rete a scontà er reàto.

Ma sto video è de già incriminato!
Ciavèvi mille raggioni, amico mio,
de sentìtte accosì scannàlizzato;

tutto va a riverzo a sto monno giudìo:
chi arubba li scarti vie' grazziato,
chi fa' giustizzia deve paga' er fio! –

25 Febbraio 2017 ( Eudaimon )

04/03/2017 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: commons.m.wikimedia.org

Condividi

L'Autore

Eudaimon

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: