Risultati della ricerca per: jobs act

Il prolungamento produttivo della giornata lavorativa, realizzato sia allungando sia diminuendo l’orario di lavoro, si attua mediante l’accorciamento del tempo che i lavoratori hanno da vivere, nell’usura incondizionata delle energie vitali pur di rendere liquida al massimo possibile la forza-lavoro.
I dati sui consumi delle famiglie evidenziano una recrudescenza della crisi scoppiata nel 2008. Le politiche dei governi si sono dimostrate inefficaci e dannose. Sono state utili però a ficcare la coscienza e la resistenza dei lavoratori.
Il governo del capitale, qualunque sia la sua denominazione (democratico, fascista, liberale, ecc) può mantenersi solo attraverso menzogne, sviamenti, dilazioni, svuotamento di contenuti.
Pubblicato in Recensioni |#09b500
Torna la nostalgia per il leader del Psi, un sentimento radicato nell’attuale clima da controrivoluzione
Pubblicato in Interni |#61bd6d
Si possono sviluppare mobilitazioni e lotte in Italia come quelle che abbiamo visto in Francia oppure il carattere strutturale e la moderazione culturale delle organizzazioni politiche e sindacali non lo consentiranno?
Pubblicato in Interni |#61bd6d
Taglio del cuneo fiscale: non un aumento salariale ma solo una diversa ripartizione delle sue voci e a scapito dei redditi più bassi. Non bisogna quindi rinunciare agli incrementi salariali e alla lotta per i diritti dei lavoratori.
Le politiche di austerità, di precarizzazione e di contenimento del costo del lavoro non hanno mantenuto la promessa della crescita economica. Occorre rovesciare il ragionamento padronale.
Fra bonus e tagli, tanto rumore per nulla. La manovra del governo non cambia niente e si conferma ossequiosa alle politiche liberiste. Serve un fronte di opposizione sociale.
Movimenti sovranisti, ambientalisti, democratici caratterizzano lo scenario politico internazionale. Che cosa rappresentano?
Pubblicato in Dibattito |#D43C30
La manovra del governo giallo-rosa non è di sinistra. La costruzione di un fronte anticapitalista comunista unito è l’unica soluzione a fronte di una nuova crisi imminente
Davvero si pensa di poter parlare di democrazia senza mettere al centro delle questioni i diritti sociali?
Pubblicato in Interni |#61bd6d
Le sentenze della magistratura sono influenzate dal clima politico e sociale. Per fare a pezzi il Jobs Act serve cambiare i rapporti di forza fra le classi
La classe dominante conduce unilateralmente la lotta di classe affondando la lama nel burro, in assenza di forze di resistenza, mentre prosegue l’ennesima replica del teatrino dei politicanti asserviti ai poteri forti
Pubblicato in Editoriali |#D43C30
La crisi di governo frutto della crisi economica e della convinzione della Lega di poterla gestire.
Appuntamento venerdì 9 giugno ore 18 al circolo del PRC Longo
Pubblicato in Iniziative |#00348C
Giovedì 22 febbraio La Città Futura organizza una serata di approfondimenti e dibattiti in sostegno di Potere al Popolo!
Pubblicato in Iniziative |#00348C
Le proposte di legge sul salario minimo devono essere contrastate in nome del potere di contrattazione e con proposte alternative che prevedano parità di retribuzione a parità di lavoro, non per tutelare il monopolio della rappresentanza.

La sinistra non dovrebbe promuovere l’inclusività, ma l’abolizione dello sfruttamento. Le esigenze nutrizionali, il modo di soddisfarle e il modo produrre gli alimenti non sono date in natura ma dipendono dalle condizioni sociali.

Perché la lotta per la liberazione degli animali deve diventare patrimonio della sinistra?
Pubblicato in Dibattito |#D43C30
Governo e opposizione si confrontano a colpi di post, contendendosi meriti per decreto Dignità e Jobs act. Ma la realtà conferma una struttura occupazionale che continua a tendere alla svalorizzazione e alla dequalificazione del lavoro.
Pubblicato in Editoriali |#D43C30
Pagina 1 di 13

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: