Il Vietnam persegue un’economia autosufficiente ma integrata a livello internazionale

Il primo ministro Phạm Minh Chính ha ribadito le linee guida dello sviluppo socio-economico del Vietnam in occasione del vertice del governo del 4 giugno e del Forum Economico del Vietnam del 5 giugno.


Il Vietnam persegue un’economia autosufficiente ma integrata a livello internazionale

Il governo della Repubblica Socialista del Vietnam ha tenuto il suo vertice mensile sabato 4 giugno, discutendo gli sviluppi socio-economici di maggio e dei primi cinque mesi del 2022, ed esaminando l’attuazione del programma di ripresa e sviluppo socio-economico proposto dal governo, nonché l’allocazione del bilancio statale per l’anno corrente.

Il vertice è stato presieduto dal primo ministro Phạm Minh Chính, che lo scorso 5 aprile ha completato il suo primo anno alla guida dell’esecutivo vietnamita. Il premier ha sottolineato i limiti e le sfide che il governo, i ministeri e le amministrazioni locali dovranno affrontare nel prossimo futuro. In particolare, Chính ha esortato i ministeri e le amministrazioni locali a seguire da vicino la situazione del Covid-19, sotto controllo ma ancora presente nel Paese, e a mettere in atto rimedi per mettere un freno all’aumento dei prezzi del carburante e all’inflazione in generale.

Il primo ministro ha chiesto loro di accelerare ulteriormente le vaccinazioni contro il Covid-19, fornire istruzioni per il controllo del virus nel nuovo contesto e rimuovere le barriere legali e politiche alla pianificazione, agli investimenti pubblici, alla ripresa socio-economica e ai programmi nazionali. Ha anche chiesto la stabilizzazione della macroeconomia; il controllo efficace dell’inflazione; la trasparenza dei mercati mobiliari, delle obbligazionari e immobiliari; l’accelerazione della crescita verde, della transizione energetica e della trasformazione digitale; e la ristrutturazione del mercato monetario.

Chính ha ordinato al Ministero dell’Istruzione e della Formazione di affrontare le preoccupazioni sui nuovi libri di testo, affermando che il ministero deve considerare fattori come fattibilità, convenienza ed efficienza dei costi per portare benefici al popolo e alla società. 

I rapporti presentati hanno mostrato che, nonostante le incertezze globali causate dal conflitto ucraino, l’aumento dei costi e i potenziali rischi di sicurezza e crisi alimentare, il Vietnam ha registrato progressi nello sviluppo socio-economico a maggio e nei primi cinque mesi di quest’anno. Il commercio estero del Paese è aumentato del 2,25% su base annua, mentre le entrate del bilancio statale sono aumentate del 18,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il fatturato import-export del paese è aumentato del 15,6% su base annua. L’indice di produzione industriale è aumentato dell’8,3%, con la produzione in aumento del 9,2%.

Il 5 giugno, il primo ministro Phạm Minh Chính è intervenuto al 4° Forum Economico del Vietnam, nel quale ha sottolineato i principi cardine che guidano lo sviluppo economico del Vietnam sin dall’introduzione delle riforme del Đổi Mới (“Rinnovamento”), a partire dal 1986. 

“L’effettiva attuazione di questa politica nel corso di più di 35 anni di Đổi Mới ha contribuito a produrre risultati storici”, ha affermato il capo del governo. Chính ha sottolineato che il Vietnam punta a perseguire lo sviluppo di un’economia indipendente ed autosufficiente, ma integrata a livello internazionale, in quanto obiettivo inevitabile dell’attuale contesto internazionale.

“Il 13° Congresso nazionale del Partito ha fissato l’obiettivo del Vietnam di diventare un Paese in via di sviluppo con un’industria orientata alla modernità e un reddito al di sopra del livello medio-basso entro il 2025, un Paese in via di sviluppo con un’industria moderna e un reddito medio-alto entro il 2030 e un Paese sviluppato con reddito elevato entro il 2045”, ha ricordato il primo ministro. “Tuttavia, il Vietnam non sacrificherà la giustizia sociale, la sicurezza e l’ambiente per la crescita economica”. In questo modo, Chính ha voluto sottolineare che il popolo è il centro, il soggetto, l’obiettivo e la forza trainante dello sviluppo.

In merito ai compiti e alle soluzioni chiave, il capo dell’esecutivo ha affermato che la prima cosa è creare un ambiente pacifico, mantenere l’indipendenza nazionale, la sovranità e l’integrità territoriale, la stabilità politica, l’ordine sociale e la sicurezza e stabilizzare l’ambiente legale, creando così le basi e condizioni favorevoli per costruire un’economia indipendente e autosufficiente in combinazione con un’integrazione internazionale ampia e approfondita.

“Un altro compito è continuare a mettere a punto le istituzioni dell’economia di mercato orientata al socialismo che si adattano alle condizioni del Vietnam e agli impegni internazionali”, ha proseguito. "Il Vietnam afferma la nostra politica coerente di non scegliere un’economia chiusa, ma invece di rimanere saldi nella direzione del Đổi Mới, costruendo un’economia indipendente e autosufficiente in combinazione con un’integrazione internazionale proattiva e attiva", ha affermato, ribadendo che Il Vietnam vuole essere un buon amico, un partner affidabile e un membro responsabile della comunità internazionale, pronto a unirsi alla comunità internazionale per affrontare le sfide regionali e globali per un mondo pacifico, cooperativo e prospero.

10/06/2022 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Giulio Chinappi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: