Migranti, misura del fallimento dell'Europa

Il disastro dell’Unione Europea emerge anche dal trattamento nei confronti di chi fugge da guerre e povertà.


Migranti, misura del fallimento dell'Europa Credits: foto: Michal Bělka, iDNES.cz

Il disastro dell’Unione Europea emerge anche dal trattamento nei confronti di chi fugge da guerre e povertà. Gli accordi tra Francia e Inghilterra, dove si è aperta la partita del referendum per l'uscita dall'UE, non possono fornire risposte convincenti a un'emergenza umanitaria come quella della tendopoli di Calais. Per i comunisti francesi è urgente creare strade legali e sicure per consentire la libertà di movimento e la regolarizzazione dei migranti senza documenti.

di Guido Capizzi

Calais. Ricordo che a luglio 2015 mi trovavo per un’inchiesta giornalistica a Ventimiglia e Mentone sui rifugiati richiedenti asilo e di passaggio in Italia e Francia, con destinazione nord Europa, in particolare Inghilterra e Svezia. Sono sicuro che qualcuno di loro dagli scogli sul mare di Liguria e Costa Azzurra sia adesso in queste tendopoli che la pioggia riempie di fango e dove le condizioni igieniche sono drammatiche.

Intanto i nuovi accordi franco-britannici non riescono a intraprendere azioni per rispondere a un’emergenza umanitaria che suscita forti emozioni. Il nuovo accordo, avallato da un’asfittica Commissione Europea piena di neo-liberisti e capitalisti, non è adeguato per risolvere le questioni umanitarie. Il governo britannico, alle prese con il referendum che farà decidere agli inglesi se rimanere nell’Unione Europea o andarsene, continua ad “esternalizzare” le sue frontiere, chiudendole, e così fa pagare alla Francia la gestione dei flussi migratori. Da queste parti l'Europa appare come una cittadella che si trova di fronte mura di uomini. Associazioni e operatori volontari ogni giorno cercano di esprimere solidarietà con i rifugiati: donne, bambini e uomini, esseri umani che sono riusciti a fuggire dal loro Paese per salvare le loro vite. In questo clima di commozione, una compagna del PCF mi dice che la richiesta del partito è “che la Francia modifichi profondamente la sua politica internazionale ed europea”.

Anche qui si tocca con mano il fallimento della politica liberista e capitalista dell’Unione Europea, tra due Paesi le cui pratiche colonialiste e imperialiste hanno vecchie fondamenta storiche. E anche qui ti viene forte la volontà di lottare contro il “contrabbando” di esseri umani. “E’ urgente creare strade legali e sicure per consentire la libertà di movimento – sottolinea la compagna del PCF – e la regolarizzazione dei migranti senza documenti”. Altrimenti non si può smentire di trovarci davanti a una moderna forma di nuova schiavitù. Ma come rispondere alle emergenze umanitarie nel quadro del rispetto dei diritti umani e della dignità delle persone? “E’ indispensabile creare centri speciali, tra i quali quelli per la cura dei bambini e dei più vulnerabili”, risponde la compagna del PCF che ogni giorno è qui da volontaria. Ci si ritrova nel momento in cui è necessaria la mobilitazione della politica sociale, della giustizia, della solidarietà per un mondo di pace e di cooperazione. Qui va intanto richiesta la sospensione di qualsiasi decisione in merito all’evacuazione.

Diventa ogni ora che passa più drammatica la situazione dei migranti bloccati a Calais. I capi di governo dei Paesi UE ne parlano in incontri bi o tri-laterali o comunitari “tutti presenti”, ma le tensioni che si sentono nell’aria della regione non si attenuano. La “deportazione pianificata”, elaborata dalla Commissione Europea, non è in grado di rispondere all’esigenza che l’umanità venga rispettata prima di tutto, dovunque. Risponde a imboccare la strada risolutiva il “gettare sulla strada” migliaia di bambini, donne e uomini che chiedono il rispetto della loro dignità e della loro scelta di lasciare il Paese o le zone in cui il conflitto e la persecuzione sono il “pane” di tutti i giorni? “Il PCF accoglie con favore la forte mobilitazione dei migranti a Calais per soluzioni di fraternità – mi dice la compagna che tanti di questi ospiti li conosce da tempo – e si oppone a qualsiasi decisione di evacuazione, di espulsioni e respingimento collettive”. Basta ricordare la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e la Convenzione di Ginevra per comprendere che soltanto con l’attivazione di politiche di corretta emergenza per salvare i migranti si potrà garantire un accesso sicuro e legale per i rifugiati. Allo stesso tempo, i programmi per il reinsediamento devono essere sviluppati. “L’Inghilterra non può perseverare nella sua politica di rifiuto ed esclusione che ha creato la drammatica situazione a Calais”, mi dice ancora la compagna del PCF.

La migrazione è un fenomeno globale che richiede risposte di autentica solidarietà per la giustizia, la pace, la cooperazione e un maggiore impegno da parte degli Stati per il rafforzamento della lotta contro la disuguaglianza e per la prevenzione e la risoluzione dei conflitti.

04/03/2016 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: foto: Michal Bělka, iDNES.cz

Condividi

L'Autore

Guido Capizzi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: