I sovranisti della Lega. Ovvero, l’ultima ruota del carroccio

La Lega candida gli economisti anti euro, ma il cuore rimane altrove.


I sovranisti della Lega. Ovvero, l’ultima ruota del carroccio Credits: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Bandiera_%22Prima_il_nord!%22,_Genova,_2012_02.jpg

Nel mondo dei social network la candidatura di Alberto Bagnai con la Lega di Salvini è diventata un caso di rilievo. L’economista Bagnai, di formazione keynesiana, si professa di sinistra e si candida con Salvini nel nome della sovranità. Per alcuni è la prova della natura intrinsecamente fascista di ogni discorso sulla sovranità, per altri è la conseguenza dell’ignavia a sinistra sulla questione europea.

Più prosaicamente: né l’una, né l’altra.

La candidatura di Bagnai a destra è solo l’atto finale di un percorso ormai intrapreso da molto tempo. Almeno da quando, dibattendo con Emiliano Brancaccio, Bagnai aveva stabilito che non si doveva discutere sull’uscita da sinistra dall’Unione Monetaria Europea ma si doveva piuttosto discutere sull’uscita punto e basta. Nella visione di Bagnai, dopo l’euro viene una lira liberamente fluttuante sul mercato e non ci si pone il problema se il prezzo di questo dovrà essere pagato dai redditi da salario. La tesi di Brancaccio era invece che ogni discorso sull’uscita dovesse essere impostato con un orientamento pro-lavoro e, quindi, orientato al controllo dei movimenti di capitale.

La Lega e il consenso

Una volta superato questo equivoco, ce n’è un altro da chiarire: si pensa che lo spostamento di alcuni personaggi “sovranisti” nell’orbita leghista porterà molti voti a Salvini. La verità è che questi personaggi hanno più seguaci sui social network che nella realtà.

Per fare un esempio: alle elezioni europee del 2014 fu l’economista Claudio Borghi a candidarsi con la Lega, nella circoscrizione Nord-Ovest e nella circoscrizione Centro. In totale ottenne 15mila preferenze. A prima vista può sembrare un numero notevole, bisogna però paragonare il risultato ai personaggi che manovrano davvero il consenso nella Lega. Due esempi. Alle elezioni europee del 2009, Fiorello Provera venne eletto con oltre 25mila preferenze, di cui 18mila raccolte solo nella piccola provincia di Sondrio. Secondo esempio: alle elezioni regionali lombarde del 2010, Angelo Ciocca venne eletto con oltre 18mila preferenze raccolte nella sola provincia di Pavia. E gli esempi potrebbero continuare. Basti pensare che Bossi e Salvini contano le loro preferenze nell’ordine delle centinaia di migliaia.

Alla luce di questi numeri, possiamo provare a chiarire un altro equivoco: le posizioni più ideologiche non fanno la fortuna o sfortuna elettorale della Lega. Il consenso largo e diffuso alla Lega viene dal denso reticolo di amministratori locali e di compenetrazione col mondo dell’economia, dalla gestione furba delle risorse pubbliche. Questo non vuol dire che le posizioni ideologiche non siano pericolose, non vuol dire che le sparate sulla razza bianca non facciano scivolare ancora di più verso la barbarie un paese in cui già si spara per le strade. Però vuol dire che dovremmo metterci il cuore in pace sui social network: Bagnai e Borghi non sono il cuore della Lega.

D’altra parte, i due economisti anti-euro sono candidati in Toscana, dove Lega può far bene ma non c’è garanzia di esseri eletti. I posti sicuri davvero, quelli dell’arco lombardo-veneto, sono riservati a nomi come Ugo Parolo o Roberto Mancato. Nomi che compaiono su poche bacheche di Facebook e Twitter, ma che sono il vero cuore della Lega.

17/02/2018 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Bandiera_%22Prima_il_nord!%22,_Genova,_2012_02.jpg

Condividi

L'Autore

Paolo Rizzi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: