Unità d’azione delle sinistre d’opposizione, buona la prima

Per costruire l’opposizione al governo e a Salvini la sinistra radicale si organizza.


Unità d’azione delle sinistre d’opposizione, buona la prima

Lo scorso 7 dicembre, al teatro de’ Servi in Roma, si è tenuta la prima assemblea unitaria delle sinistre di opposizione, promossa da Pcl, Pci e di Sinistra anticapitalista e sostenuta da decine di altri partiti e organizzazioni, nazionali e locali, tra cui anche il collettivo La Città Futura.

L’iniziativa ha avuto un grande successo, superiore alle più rosee aspettative. Il teatro era stracolmo e un centinaio di compagne e compagni di tutte le età e provenienti da ogni parte d’Italia non sono riusciti a trovare posto dentro la sala; l’entusiasmo era a tratti travolgente, specialmente durante gli interventi delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati sui più noti fronti di lotta (Unicredit, Whirlpool, ex-Ilva); il livello medio degli interventi di altissimo livello, come ciascuno può constatare grazie all’ottimo lavoro svolto dai compagni di Labaro TV, che ha trasmesso la giornata in diretta web e ne ospita la registrazione sul proprio canale youtube.

Un successo figlio della grande richiesta di unità che proviene dai lavoratori più coscienti e dai militanti di base, stanchi di patire gli effetti nefasti della frammentazione della sinistra ed in particolare dei comunisti. È comune la consapevolezza che l’assenza di un soggetto politico di riferimento, credibile, autonomo e radicato rende più difficile la difesa dagli attacchi padronali, finalizzati a scaricare sui ceti subalterni il prezzo della loro crisi. Ma il successo può essere anche ascritto alla formula proposta dagli organizzatori, relativamente innovativa per i tempi che corrono: non più soggetti politici nati a freddo, alchimie organizzativistiche o cartelli elettorali, bensì la riproposizione della quasi-centenaria tattica del marciare divisi e colpire uniti.

L’obiettivo è quello di dar vita ad una unità di azione che si proponga come punto di riferimento per i movimenti che stanno animando la politica italiana, da collante delle mille lotte che vengono combattute ogni giorno da decine di migliaia di lavoratori e da impulso alla ricostruzione di un’opposizione anticapitalista di massa. Un obiettivo ambizioso, vista l’attuale irrilevanza dei comunisti e l’esistenza di ancora ampie differenze riguardo l’analisi del nostro passato e il “che fare”, questioni ampiamente dibattute sia tra gli intervenienti che tra i compagni dentro e fuori la sala.

Per questo si parte senza una struttura formale - un semplice coordinamento nazionale dell’unità d’azione delle sinistre d’opposizione aperto a chi ancora non ha aderito e basato sull’assoluta parità tra tutti i soggetti e l’assenza di veti e diritti di primogenitura e coordinamenti locali per mobilitare le forze sui territori e sui luoghi di lavoro - e con pochi punti di programma minimo, capaci di vederci tutti d’accordo: l’abrogazione dei decreti sicurezza, la cancellazione della legge Fornero, la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, l’uscita dalla NATO, la nazionalizzazione dei settori strategici, delle aziende che licenziano e che inquinano. Su questi temi verrà costruita una prima mobilitazione nazionale il 24 e 25 gennaio.

Nella sezione video riproponiamo l’intervento del nostro compagno Francesco Cori che analizza le ragioni oggettive e soggettive della perdita di credibilità dei comunisti di fronte alle masse popolari.

15/12/2019 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Redazione

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: