Interni

Referendum del 4 dicembre, l’ennesimo calcio eversivo. Le ragioni del No e lo schiaffo alla riforma del Titolo V della Costituzione
Nella lettera di Felice Besostri all’ambasciatore Usa, appare immediatamente evidente come la struttura istituzionale verrà trasformata con un inaudito accentramento dei poteri in mano al governo.

Beata quella patria che non conosce tragedie. Nel Belpaese a detta del ‘buon’ Governo del caro Renzi vige la parola ‘ricostruzione’. La storia insegna ma non ha scolari. Vero. Di fronte all’ennesima tragedia si brancola continuamente nel buio

Pensieri sul libro di Graziella Priulla per l’educazione di genere, maschile e femminile, per l’educazione alle differenze, che, di fatto, non è ancora una consuetudine nelle scuole.
La doppia posizione dei grillini, ondivaghi per interesse, fra il Sì e il No
Il caso della donna di Catania morta di setticemia alla 19ma settimana di gravidanza evidenzia come, tra il diritto del medico a fare obiezione e il diritto del nascituro ad essere messo al mondo, l’unica che sembra non avere diritti è la donna.
L'irresponsabilità della procura torinese
Le ragioni dell'incostituzionalità della riforma alla festa della Costituzione a Roma
Nella buona scuola italiana sembra far follie il Piano Digitale del Ministero, ma non tutti sono convinti…
Antonio Gramsci nelle sue pagine considerava ineludibile il lavoro della scuola sul territorio…

Era dai tempi del contratto a “tutele crescenti” che non sentivamo il Governo Renzi ribaltare a tal punto la realtà.

È stato pubblicato il documento Linee Guida per la valutazione dei dirigenti scolastici.

Le origini, le cause e gli effetti della “deforma” costituzionale. Dal giurista Gianni Ferrara, pillole per il “No”
Il 7 Ottobre di nuovo in piazza gli studenti contro la Scuola dei padroni e dell’UE
Movimenti, attivisti e intellettuali come Amira Hass denunciano al convegno a Venezia “H2Occupation” le politiche israeliane di apartheid dell’acqua
Il dilemma tra “soggetto della sinistra” e Partito Comunista, tra riforma del sistema capitalistico e transizione al socialismo
Quando il patto tra i cittadini e lo stato è infranto
I docenti e la formazione nella Buona Scuola di Renzi
Riflessione sulla festa “Soffia ancora. Festa ribelle” (Reggio Emilia 9,10,11 settembre 2016)
A quasi 40 anni dall'assassinio di Walter Rossi: noi non siamo – e non saremo mai - come loro
Le macerie di amatrice sono una tragica metafora della condizione della pubblica istruzione
Ricomincia l’anno scolastico all’insegna dell’isteria di una riforma sbagliata
La UE non è nata a Ventotene, ma a Maastricht come una fortezza bisognosa di recinti materiali e simbolici
Bassam Saleh ricorda Maurizio Musolino, compagno e amico giornalista, “cuore pulsante” del comitato “Per non dimenticare Sabra e Chatila”
L’endorsement degli USA a Renzi dimostra che questa riforma è necessaria per imporre con più facilità i diktat padronali
L’amministrazione pentastellata in bilico a Roma, compressa fra le lobby di potere e le forze emergenti della destra
Nasce la campagna “guardiane della terra”
I dati concernenti la crescita demografica in Italia sono scoraggianti, ma non solo quelli
Il Movimento 5 Stelle, da movimento radicale a partito d'ordine
L’autorganizzazione come alternativa alla militarizzazione dell’emergenza.
Pagina 10 di 21

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: