Cosa sono il Bitcoin e le criptovalute

Cresce il numero delle persone allettate dagli enormi guadagni delle cripto-valute, ma quanti conoscono i Bitcoin?


Cosa sono il Bitcoin e le criptovalute

BREMA. Sulle cripto-valute, come Bitcoin, è in ascesa l’interesse anche perché se ne vorrebbe sapere di più. Intanto a Mosca il presidente Putin chiede al governo di varare una normativa che esamini le cripto-valute e un importante imprenditore ha convertito una ex fabbrica di automobili in “mining farm” ovvero in uno stabilimento di “estrazione” di bitcoin. Attualmente ne vengono "coniati" 60 al mese. Il controvalore è vicino al milione di dollari.

Le cripto-valute come il Bitcoin sono scambiate senza intermediari e possiedono la caratteristica di non essere emesse da istituti bancari. Sono “estratte”, come si scavasse una miniera: da qui il termine inglese “mining”. Per “produrle” si devono risolvere complessi problemi matematici e algoritmici.

Come dire che per coniare valuta virtuale occorre una elevata potenza di calcolo: per questo esistono le “mining farm”, fabbriche dove centinaia di processori lavorano simultaneamente. Una tecnica utilizzata nei centri di calcolo scientifico ha la finalità di creare cripto-valuta.

L’imprenditore Dmitri Marinchev ci rivela due grandi vantaggi che ha la Russia nel business di Bitcoin: grande quantità di energia elettrica a basso costo e un clima che permette di risparmiare sugli impianti di raffreddamento. La Russia sta competendo con la Cina per volume di produzione e potenza di calcolo. Marinchev ha investito finora 10 milioni di dollari nella vecchia fabbrica sovietica.

Intorno alle cripto-valute c’è lavoro indotto: a Mosca, uno dei maggiori data center dell’Europa orientale ha in fase di test un “ostello per minatori”: 80 euro al mese per installare i propri computer calcolatori in un capannone aziendale.

C’è, insomma, un certo ottimismo per Bitcoin e affini tra la gente, non tra le autorità russe perché le cripto-valute sono una possibilità di riciclare denaro, evadere il fisco e finanziare il terrorismo. C’è il rischio che in un futuro non lontano ogni Stato, ogni persona avrà la sua cripto-valuta e ci sarà lo scambio in una borsa mondiale decentralizzata. Qualcuno sostiene che si possa trattare di un sistema più affidabile di quello bancario.

C’è l’app C che fa il giro via web promettendo di guadagnare 500 euro in due giorni investendo 50 euro, dopo essersi registrati con nome e cognome, e-mail, password e la certificazione di essere maggiorenni – un po’ come in qualche sito porno. Dopo la conferma dell’indirizzo e-mail si apre subito l’applicazione dell’investimento vedendo apparire sullo schermo tutte le cripto-valute trattate: i Bitcoin, i più famosi e costosi; poi gli altri, apparentemente meno cari, come gli Ethereum a 858 dollari (726 euro, il +20% rispetto al giorno prima), i Litecoin a 360 dollari (304 euro, +14%). Per cominciare bisogna completare il proprio conto con l’inserimento del numero di cellulare con annesso codice di verifica ricevuto e con l’aggiunta di un metodo di pagamento (conto Coinbase se già posseduto, carta di credito o di debito, conto corrente) e la scannerizzazione di carta d’identità o passaporto o patente. Qualcuno sceglie l’opzione conto corrente e si trova costretto a inviare un euro su un deposito, denominato in Coinbase Uk Ltd, Estonia, che attribuisce un conto bancario con Iban: As Lhv Pank, è la banca che ha sviluppato i conti deposito in Bitcoin. Indirizzo banca: Tallinn; indirizzo del destinatario Londra. Dunque, mandando l’euro alla banca estone lo riceve la banca con sede a Londra.

Bitcoin utilizza la tecnologia peer-to-peer, così può operare in autonomia da autorità centrali di controllo e dalle banche; perché la gestione delle transazioni e l'emissione di bitcoin è effettuata collettivamente dalla rete.  Quindi, Bitcoin è open-source e la sua progettazione è pubblica. Ci viene raccontato che nessuno possiede o controlla Bitcoin perché ognuno può prendere parte al progetto, ma è tramite alcune delle sue proprietà che Bitcoin permette utilizzi entusiasmanti non coperti da altri sistemi di pagamento in uso.

Ci possono essere tutta l’autonomia e la libertà immaginabili, ma sembrerebbe di trovarsi, ancora una volta, di fronte a un frutto del sistema finanziario capitalistico che “controlla” anche il circuito delle cripto-valute.

23/12/2017 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Guido Capizzi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: