Movimenti

Una città allo sbando in cui vigono, ormai le leggi “fai da te” della violenza fascista e della xenofobia.
I centri di accoglienza spesso assomigliano a luoghi di detenzione dove si identificano individui considerati potenzialmente pericolosi.
La repressione delle lotte si serve strategicamente anche del silenzio, a cui bisogna rispondere tornando nei territori, nei quartieri, 'sporcandosi le mani, rompendo definitivamente con il riformismo politico.
Nessun alibi ai neoliberisti più accaniti e pervicaci: la ri-pubblicizzazione non solo è giusta e doverosa perché restituisce il bene comune per eccellenza, l’acqua…
Un fiume pacifico e colorato di quindicimila persone, invisibile per i media, ha camminato per le strade della città.
Procede anche in Italia la mobilitazione delle donne verso l’ 8 marzo 2017 che vedrà lo Sciopero Globale a cui aderiscono in contemporanea mondiale le donne di oltre quaranta nazioni.
Non sarà un 8 marzo come gli altri, questo “ Lotto marzo 2017.”
I movimenti femminili preparano lo sciopero internazionale dell’8 marzo. Lo sciopero delle donne contro i soprusi e le violenze
I movimenti femminili preparano lo sciopero internazionale dell’8 marzo. Lo sciopero delle donne contro i soprusi e le violenze
Se il quattro ottobre il vento del cambiamento era ancora auspicabile, oggi non spira neanche una lontana brezza su Roma. Oggi la città si ribella.
Diversi fili del discorso si sono intrecciati per tessere una grande tela…attenzione a non svuotare di senso parole ed esperienze
Quello che giornali, televisioni e mass media non hanno visto e che non vogliono far vedere
Pensieri sul libro di Graziella Priulla per l’educazione di genere, maschile e femminile, per l’educazione alle differenze, che, di fatto, non è ancora una consuetudine nelle scuole.
A quasi 40 anni dall'assassinio di Walter Rossi: noi non siamo – e non saremo mai - come loro
Riflessione sulla festa “Soffia ancora. Festa ribelle” (Reggio Emilia 9,10,11 settembre 2016)

Una legge che non supera il bicameralismo e crea conflitti fra Stato e Regioni e fra Camera e Senato.

Rush finale per i sei quesiti e la petizione popolare.

15 maggio ore 17,30. Piazza del Pantheon è affollata.

Le adozioni in Italia sono un tabù che non supera la soglia dell’establishment ecclesiastico.

Anche in Italia dobbiamo creare uno spazio di convergenza delle lotte contro il capitalismo e le sue politiche.

Pagina 1 di 4

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.