Sinistra in europa

{source}
<head>
<link rel="stylesheet" type="text/css" media="screen,projection" href="/media/cssmap-europe/cssmap-europe.css" />
<script type="text/javascript" src="http://ajax.googleapis.com/ajax/libs/jquery/1/jquery.min.js"></script>
<script type="text/javascript" src="http://cssmapsplugin.com/4/jquery.cssmap.js"></script>
<script type="text/javascript">
$(function($){
$('#map-europe').cssMap({'size' : 430});
});
</script>
</head>
{/source} A cura di Marco Nebuloni e Paolo Rizzi

In tutta Europa si pone il problema della collaborazione tra i comunisti e le forze genericamente di “sinistra antiliberista”. Queste forze sono di varia provenienza: può trattarsi di gruppi che vengono da esperienze di “nuova sinistra” extraparlamentare, di gruppi movimentisti o di soggetti che hanno rotto con la socialdemocrazia.

Come abbiamo già sostenuto, le alterne vicende delle sinistre in Europa, vengono riportate in maniera approssimativa, rimuovendo le storie nazionali, i punti di criticità e le difficoltà, sostenendo una sostanziale intercambiabilità delle varie esperienze e proponendole di volta in volta come modello da importare per risolvere la crisi dei comunisti e della sinistra nel nostro Paese.

Con questo lavoro si proverà a illustrare la situazione delle sinistre nei paesi più spesso indicati come modelli da seguire o imitare: Germania, Francia, Spagna e Portogallo. Come i nostri lettori noteranno ben presto, le situazioni di questi Paesi sono molto diversificate, l’efficacia sociale ed elettorale delle varie formazioni può variare molto e la natura stessa delle “sinistre unite” (o divise!) non è riconducibile ad uno schema unico.

Scorri sulla mappa ed accedi al dettaglio di ogni Paese




La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: