Esteri

Con Yorgos Michailidis della Nuova Corrente di Sinistra (NAR) parliamo delle cause e conseguenze della crisi economica e delle politiche della Trojka, del governo Tsipras e del ritorno al potere della destra, del ruolo del capitalismo greco nel Mediterraneo orientale e nei Balcani, dell'autonomia politica delle classi lavoratrici e della lotta contro l'UE dal punto di vista della sinistra di classe.
Come Papa Francesco ha aperto alla Cina e questa ha accettato il Vaticano
Il 2 settembre 1945, Hồ Chí Minh proclamava l'indipendenza e la fondazione della Repubblica Democratica del Vietnam.
In quest'articolo torniamo sull'annoso problema del latifondo brasiliano, cercando a partire dal concetto di semi-feudalesimo e dai dati statistici di interpretare questa realtà, analizzando le modalità con le quali essa si modernizza mantenendo al tempo stesso vive le strutture di arretratezza.
In quest'articolo cercheremo di comprendere la recente crescita del gradimento del governo Bolsonaro nei sondaggi, a partire dalla crescita di un sussidio temporaneo per i lavoratori informali e poveri e le conseguenze politiche di questa scelta.
La Cina ed il Vietnam hanno risolto da tempo le questioni riguardanti i confini terrestri, mentre restano aperte quelle sulle isole del Mar Cinese Meridionale e sulla gestione del corso dei fiumi.
La Repubblica Socialista del sud est asiatico è riuscita a spengere sul nascere il nuovo focolaio del virus Sars-Cov-2
Si è svolta recentemente una conferenza virtuale tra organizzazioni latinoamericane e statunitensi: siamo entrati in una nuova fase sia pure a tentoni?
I motivi e le forme di lotta delle popolazioni boliviane contro il governo violento e razzista, usurpatore di quello legittimamente eletto, e per richiedere l’effettuazione di regolari elezioni.
Con Juan Carlos che scappa la sinistra spagnola non perda l'occasione dell'egemonia.
Una buona notizia per la cura del COVID-19. Ora si tratta di vedere quanto costerà e chi pagherà. Intanto Cuba si candida a produrlo mentre sta sviluppando autonomamente un proprio vaccino.
Dopo 99 giorni senza casi, il Vietnam ha registrato nuovi contagi da COVID-19.
Nonostante il blocco dovuto alla pandemia cresce in Cile la protesta contro il governo. E viene incassato qualche risultato. Ma la partita decisiva sarà il referendum sulla costituzione. Ne parliamo con Mauro Santoro.
Le autorità cinesi hanno annunciato la volontà di riprendere il dialogo con il Vietnam e gli altri Paesi dell'Asia sud-orientale per la disputa sulle isole del Mar Cinese Meridionale.
Le battaglie del Movimento Politico Winaq, fondato dalla Premio Nobel per la Pace Rigoberta Menchú, nelle parole della sua segretaria generale e parlamentare. Dalle tragedie del passato alle ingiustizie di oggi, un punto di vista per la lotta contro l'imperialismo e per la trasformazione secondo giustizia della società.

La questione della sovranità sulle isole del Mar Cinese Meridionale ha aperto un profondo solco nelle relazioni tra Cina e Vietnam. Nonostante il sostegno degli Stati Uniti, il Vietnam continua a mantenere una posizione di equidistanza nelle relazioni con le due superpotenze del XXI secolo.

I ringraziamenti fanno piacere ma non bastano: occorre richiedere la cessazione del Blocco degli Stati Unito contro Cuba.
La frontiera della contraddizione storica è tra la libertà inefficace delle democrazie illiberali e restrittive e le democrazie autoritarie del socialismo asiatico nonché quello popolare dell’America Latina.
Perché la Brigata Henry Reeve merita il nobel per la pace e Cuba la fine dell’embargo.
Proponiamo la traduzione di un articolo apparso su Reuters.com con una breve introduzione redazionale.
A proposito di rovescismo storico, a Hong Kong le forze filo-oligarchiche, filo-imperialiste, che mitizzano il periodo coloniale e difendono la mecca del neoliberismo più sfrenato vengono definite “democratiche”
Grandissimo spazio è stato dato dai mezzi di comunicazione di massa a del tutto secondari episodi di rabbia popolare di un eccezionale movimento globale contro il razzismo, mentre sono passati sotto silenzio la denuncia dell’ONU del nuovo stato di apartheid imposto alla Palestina e gli effetti catastrofici che ha sulla popolazione civile il blocco economico imposto alla Siria.
L'arresto per corruzione di Fabricio Queiroz, amico personale del presidente, e le possibili ripercussioni, tra alleanze all'interno del Parlamento e pressione popolare per la fine del suo mandato.
Il binomio tra classismo e razzismo è da sempre caratteristico delle società liberali e del modo di produzione capitalistico, fondate sul colonialismo e lo sfruttamento e da sempre volte alla repressione preventiva delle “classi pericolose” per il sistema.
Un nuovo barlume di speranza spunta dalla Svizzera per Julian Assange, che rimane detenuto e torturato nelle carceri britanniche e con la minaccia che una sua eventuale scarcerazione finisca in un assassinio da parte dei servizi segreti americani.
L’odierna fase di multipolarismo si caratterizza per il caos, il rovesciamento di alleanze e movimenti apparentemente incoerenti degli Stati. La Cina, ma soprattutto la Russia, devono muoversi con prudenza se vogliono uscire vincenti dal confronto con l’America.
Bolsonaro è sempre più indebolito e ora il tribunale supremo indaga sulle elezioni del 2018 che lo hanno visto vincitore. Si tratta di una vera opposizione al presidente o di un regolamento di conti all’interno della classe dominante?
Le imponenti manifestazione sorte negli Stati Uniti contro il razzismo degli apparati repressivi dello Stato imperialista sono riuscite a rompere l’assedio del pensiero unico dominante e a imporre anche sul piano internazionale tale questione dirimente
L’ennesimo brutale omicidio di un cittadino afroamericano commesso dalla polizia di Minneapolis ha scatenato un’ondata di proteste in tutti gli Stati Uniti portando in strada la volontà di ribellione ad una plurisecolare condizione di oppressione che unisce il fattore di classe a quello razziale.
Lo scontro tra Cina e sostenitori dell'Occidente sull'isola va letto in chiave di classe
Pagina 1 di 24

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: