Interni

L’emergenza sanitaria tra razzismo, violenza e speculazioni
In piena pandemia da Coronavirus scontiamo sulla nostra pelle decenni di tagli nel settore pubblico e a tutela dei lavoratori,a favore dell'aumento delle spese militari
Ancora una volta, da apprendista stregone, il capitale ha evocato delle terribili potenze nichiliste, che non solo hanno finito con l’affossare l’economia del paese, ma hanno ulteriormente favorito la diffusione del virus del razzismo e della soluzione autoritaria
In Italia e in Europa ci sono le risorse per fronteggiare l’emergenza da Coronavirus ma bisogna prendercele
Resoconto dell’attivo di marzo fatto al Granma sulle prossime elezioni romane del 2021

Lettera dell’ex direttore Guido Capizzi

La spaventosa crescita di posizioni negazioniste e revisioniste nei riguardi della Shoah non può che portarci a interrogare sull’efficacia dell’istituzionalizzazione e sulle responsabilità della strumentalizzazione politica di tale spaventoso genocidio
Torna la nostalgia per il leader del Psi, un sentimento radicato nell’attuale clima da controrivoluzione
In un collegio blindato il centro-sinistra dimostra di non essere cambiato e candida il Ministro Roberto Gualtieri mentre i comunisti si presentano divisi
Dietro al belletto del presunto risparmio, il taglio dei parlamentari ha lo scopo di ridurre gli spazi politici alle classi sfruttate. Le radici di classe del nostro NO al referendum.
Si possono sviluppare mobilitazioni e lotte in Italia come quelle che abbiamo visto in Francia oppure il carattere strutturale e la moderazione culturale delle organizzazioni politiche e sindacali non lo consentiranno?

Alla vigilia delle elezioni nell’Ente di previdenza dei medici, i dottori tracciano un bilancio della gestione piena di conflitti di interesse.

Se non si è in grado di sfruttare e approfondire le contraddizioni fra le proclamate buone intenzioni di chi oggi governa la scuola e gli scarsi risultati ottenuti, non si potrà realizzare un’opposizione efficace e, quindi, credibile
I vertici di TAP a processo per reati ambientali, quasi in parallelo al processo a 25 No-Tap che hanno manifestato legittimamente per la difesa del territorio. Ma il gasdotto Tap serve davvero?
In questa fase non bisogna respingere i movimenti ma lavorarci portando avanti una prassi rivoluzionaria come prospettiva e seguendo la tattica di volta in volta più adeguata ai livelli di coscienza molto bassi delle classi sfruttate.
Il programma di governo prevede solo ritocchi ai decreti Salvini e per ora non sono arrivati neanche quelli. Mobilitazione di massa per la loro abrogazione
Interventi di Angelica Lepori, Consigliera municipale del Movimento per il Socialismo a Bellinzona e Anita Sonego, già Consigliera comunale e Presidente Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano, al convegno internazionale “Buone pratiche nel governo delle città: quale cambiamento?”

Il generico programma politico delle Sardine crea più problemi all’attuale governo che all’opposizione sovranista

Una petizione rivendica un sistema elettorale proporzionale per eleggere il Consiglio Regionale della Toscana. I guasti del Toscanellum e dei sistemi maggioritari

Per costruire l’opposizione al governo e a Salvini la sinistra radicale si organizza.

I pericoli del regionalismo differenziato e la necessità di tutelare l'unità dello Stato e la Costituzione secondo il Partito Comunista Italiano.

L’intervento di Eva Alfama di Barcellona al convegno internazionale “Buone pratiche nel governo delle città: quale cambiamento?”

La battaglia per l’egemonia nella fase della guerra di posizione richiede i suoi eserciti schierati intorno alle casematte borghesi. E’ una battaglia dura per conquistare e direzionare le forme di spontaneismo, sottraendole alla passivizzazione della borghesia.

Alla Casa delle Donne di Milano il convegno internazionale “Buone pratiche nel governo delle città: quale cambiamento?”
Attraverso la rivoluzione passiva la borghesia punta a dominare col completo consenso dei dominati. La rivoluzione attiva non può rinunciare a conquistare le casematte borghesi e rompere questo meccanismo
Immagini dalla manifestazione contro la violenza maschile e di genere che si è tenuta a Roma sabato 23 novembre
Qual è la natura della Lega? Può essere considerata strutturalmente l’erede del fascismo nel XXI secolo, rispetto ad altre formazioni come Fratelli d’Italia o altri?

La soggettività politica e sociale non si manifesta mai sulla base dei nostri desiderata ma a partire dai bisogni degli uomini e da come essi se li rappresentano nel quadro storico specifico della nostra società capitalistica giunta a questa fase di sviluppo o di involuzione.

In un paese democratico e sviluppato industrialmente non si può ricorrere all’aperta repressione sanguinosa, servono metodi più soft, più autorevoli e difficili da criticare
Si è svolto il 14/11/2019 alla Casa della Cultura di Milano un incontro sul tema “Una scuola senza cultura e senza conoscenza? Dalla cancellazione del tema di storia a quella delle discipline”, relatori i docenti Giovanni Carosotti, Vittorio Perego, Marco Cuzzi (UNIMI, Milano), Lucio Russo (Uni Tor Vergata, Roma)
Pagina 2 di 23

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: