Cultura

Oggi 2 febbraio ricorre il 75° anniversario della morte di due trentenni giornalisti e partigiani del foglio clandestino “Bandiera Rossa”, testimoni del loro tempo. Facciamo memoria di Enzio Malatesta e Carlo Merli fucilati nel 1944 a Roma a Forte Bravetta, dopo essere stati condannati a morte da un tribunale nazista.
Le diverse fasi, in un paese arretrato e isolato, necessarie a realizzare la transizione alla società comunista.
Il nazionalismo quale risposta illusoria ai mutamenti spazio-temporali determinati dal mondialismo.
La portata storica universale della rivoluzione cubana per il suo ruolo decisivo nella lotta per l’emancipazione dei popoli ex coloniali dall’imperialismo e dal neocolonialismo.
L’impero brasiliano nasce con la proclamazione dell'indipendenza il 7 settembre 1822 e si conclude il 15 novembre 1889 con la proclamazione della repubblica.
L’attitudine estremistica di pretendere che la prassi si conformi in tutto e per tutto alla teoria porta i dottrinari a considerare ogni prassi un tradimento del marxismo.
Il Buddhismo deve il suo successo in Vietnam anche al ruolo giocato al fianco del Partito Comunista nel corso della rivoluzione e delle guerre per la liberazione e la riunificazione del Paese.
L'industria farmaceutica è sedotta dalla cannabis mentre la domanda è in crescita.
Il conflitto tra colonia e Portogallo, il processo di indipendenza cominciato il 7 settembre 1822 ma terminato nel 1825 e le sue conseguenze.
L’imprevisto successo della rivoluzione in oriente e la sconfitta in occidente ha reso necessario ripensare a fondo la tattica per la transizione al socialismo in un paese solo e arretrato.
Come il modello educativo e coloniale francese, ispirato all'assimilazione ed alla “francesizzazione” dei popoli colonizzati, ha contribuito alla formazione dei rivoluzionari che sancirono la fine dell'impero della madrepatria.
Il commosso ricordo dell’amico e collega David Grossman che con Yehoshua fa memoria dell’uomo e dello scrittore impegnato per la soluzione del conflitto israelo-palestinese ed i limiti della loro visione del problema.
Analizziamo in questa puntata l'espansione coloniale nell'interno del Brasile tra il XVII e il XVIII secolo, e la “caccia all'oro”.
Le difficoltà generali della costruzione di uno Stato socialista e le difficoltà particolari della sua realizzazione, per la prima volta nella storia, in un paese solo e, per giunta, arretrato.
La Disney e l’apologia del capitalismo. La lotta di classe deve estendersi al fantastico.
Il progetto ‘The Sounds of…” propone un interessante report sulle stazioni ferroviarie in Svizzera, Polonia, Canada, Romania e Repubblica Ceca.
Analizziamo il periodo che va dal 1500 al 1640, dallo sbarco in Brasile alla pace che ristabilisce il controllo portoghese dopo la conquista olandese.
Per analizzare il Brasile è necessario comprenderne lo sviluppo a livello storico-economico nel corso dei secoli a partire dalla colonizzazione.
I tratti necessariamente utopistici che ha dovuto assumere l’entusiasmante progetto di costruzione di una democrazia proletaria dinanzi al fallimento della rivoluzione in occidente.
A Pavia l’ennesima dimostrazione di quanto la ricerca accademica sia arretrata nello studio e nella comprensione di Marx.
Ci chiediamo se le storie dei miti debbano essere sempre di lotte sanguinarie e non possano avere una tonalità più leggera, addirittura comica…

ZTL

Una riflessione poetica e amara su come, spesso, i ruoli della destra e di certa “sinistra” appaiano invertiti.
Come sarà il clima in centro Europa nel 2060?
I motivi secondo i quali la democrazia reale sovietica è superiore alle “democrazie” formali borghesi.
Perché la salute sessuale non è garantita e la pillola anti-HIV è di difficile accesso?
Il libero accesso da gratis diventa fonte di spesa per chi ci capita.
L’anniversario della prima guerra mondiale in versi.
Nel bosco delle parole dimenticate, il silenzio è la fine.
La polemica fra comunisti e socialdemocratici sulla violenza, la democrazia e la dittatura del proletariato.
Una “poesia di classe” e ambientalista.
Pagina 4 di 20

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: